email

Via libera al domicilio digitale: il Consiglio dei ministri ha approvato in via preventiva le modifiche apportate dal Ministro Madia al decreto sulla digitalizzazione della PA. Le modifiche introducono la possibilità per il cittadino di attivare un indirizzo di posta elettronica certificata per comunicare con gli uffici pubblici e sarà l’unico canale di comunicazione tra il cittadino e le PA. Anche le multe potranno arrivare via email.

Dopo l’ok del Consiglio dei Ministri, il decreto passerà sotto l’esame del Consiglio di Stato, delle 2 Camere, della Conferenza Unificata.

Vai allo Speciale Digitalizzazione PA

Il provvedimento porterà ad un risparmio, secondo i calcoli del Governo, di 250 milioni di euro all’anno rappresentati dalle spese postali e tutti costi legati alla produzione e conservazione del materiale cartaceo, mentre la nuova piattaforma costerà circa 200mila euro ogni anno.

Le nuove regole avranno validità per gli enti di servizio pubblico, ma anche per le Autorità di Garanzia. Per gli enti che non si adegueranno alle novità sono previste sanzioni da parte dell’Agenzia per l’Italia Digitale.  L’Agenzia attiverà anche un difensore civico unico digitale.

Volume consigliato

Il nuovo procedimento amministrativo digitale

Il nuovo procedimento amministrativo digitale

Michele Deodati, 2017, Maggioli Editore

Alla luce della crescente informatizzazione (nonostante le resistenze che si incontrano un po’ ovunque), i principi e gli istituti giuridici su cui da sempre si regge l’attività amministrativa stanno inesorabilmente cambiando. Il potenziale insito nei nuovi strumenti...




SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here