esame di maturità

Ancora un importante cambiamento per l’esame di maturità: per accedervi torna a essere indispensabile il sei in tutte le materie. Questo il punto d’accordo a cui sembrano essere ormai giunti il Ministero dell’Istruzione e il Governo dopo le valutazioni da parte delle commissioni parlamentari dello schema di decreto sulla Buona scuola.

Si ritorna, dunque, alla situazione attuale: se l’obbligo del sei in tutte le materie dovesse essere confermato definitivamente, verrebbe accantonata l’idea (presente nella prima versione del testo) di ammettere gli studenti che hanno semplicemente la media del sei.

Sono molte, comunque, le novità che attendono gli studenti a partire dall’anno scolastico 2017-2018. Vediamo insieme le principali.

 

Cambia l’accesso all’esame di maturità?

Il decreto attuativo in discussione in Parlamento, dunque, sembra destinato a confermare la situazione attuale: accesso all’esame di stato solo con la sufficienza in tutte le materie. Respinta, almeno per il momento, la proposta forse troppo benevola di ammettere tutti gli studenti che riportassero la media del sei, anche nel caso di insufficienze gravi in alcune materie.

Restano invece invariate le altre condizioni di accesso all’esame: frequentazione di almeno tre quarti delle ore totali previste dal curriculum, partecipazione alle attività di alternanza scuola-lavoro e soprattutto partecipazione alle prove Invalsi nel corso del quinto anno.

Dal 2018 tre prove invece di quattro

La novità più importante prevista per tutti gli studenti a partire dal 2018 resta quindi probabilmente il cambiamento del numero delle prove.

Oggi l’esame di maturità prevede infatti quattro prove: un primo scritto di italiano, un secondo scritto diverso per ogni indirizzo di studio, il terzo scritto con quesiti su varie materie (il cosiddetto “quizzone”) e la prova orale. Dall’anno prossimo verrà eliminata la terza prova scritta e le verifiche diventeranno tre. La maturità sarà quindi, almeno da questo punto di vista, più semplice.

Maturità: cambia anche il voto finale

Dall’anno prossimo andrà incontro a un sostanziale cambiamento anche il voto finale da assegnare agli studenti dopo la maturità. Non nel conteggio, che resterà in centesimi, ma nel peso assegnato alle singole componenti.

Oggi infatti il voto finale è composto per 25 punti dal credito scolastico, per 15 punti a testa da ognuna delle tre prove scritte e per 30 dalla prova orale. Dal 2018 il credito dell’ultimo triennio inciderà fino a ben 40 punti, mentre le due prove scritte peseranno 20 punti ognuna e il colloquio finale altri 20 punti. Un peso molto maggiore, quindi, al percorso scolastico dello studente e un ridimensionamento delle prove scritte e soprattutto della prova orale.

Nel colloquio abbandonata la tesina

Altra novità importante, infine, nello svolgimento della prova orale.

Il colloquio finale, che come detto varrà 20 punti al posto di 30, partirà infatti dall’analisi critica e argomentativa di un testo o di un documento scelto tra alcune proposte della commissione. Abbandonata quindi la contestata tesina, che troppe volte è stata frutto di un approssimativo lavoro di raccolta delle informazioni più che di vera ricerca. A pesare saranno invece la capacità critica dello studente e il profilo culturale ed educativo maturato nei cinque anni.

 

Volume consigliato:

Organizzazione e legislazione scolastica dopo la Buona Scuola

Organizzazione e legislazione scolastica dopo la Buona Scuola

Rosanna Sanny Calvino, 2016, Maggioli Editore

Il testo è uno strumento indispensabile di preparazione per la prova scritta e orale del concorso a cattedre 2016 nelle scuole statali di ogni ordine e grado. L’opera è una trattazione completa sull’istituzione scolastica, che tiene conto di tutte le tematiche...




CONDIVIDI
Articolo precedenteConcorso Dirigenti Scolastici 2017: arrivano altri 1.000 posti per i presidi
Articolo successivoRiforma del catasto: cosa ci si deve aspettare dal Def?

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here