Concorso scuola 2016

Sono stati resi noti i risultati del Concorso scuola 2016 per la scuola pubblica primaria del 2016, solo il 29% ha superato gli scritti. Ad elaborare i dati ci ha pensato Tuttoscuola sulla base delle graduatorie pubblicate dagli Usr.

Il 71% dei candidati non è stato ammesso alle prove d’esame orale, su 37.838 solo 11.102 hanno superato gli scritti, questi risultati si riferiscono alle 14 regioni esaminate, si aspettano ancora gli esiti degli scritti di altre regioni.

Quale è stata la causa di così tante bocciature?

I candidati hanno avuto a disposizione 18 minuti per ogni quesito e questo ha provocato diverse polemiche da parte di questi che hanno definito le domande troppo difficili e il tempo ristretto, soprattutto i quesiti di lingua straniera che rispetto alla prova del 2012 presentavano il doppio delle domande.

Invece, i commissari d’esame hanno evidenziato le gravi carenze linguistiche da parte dei candidati.

Adesso per chi ha superato le prove scritte resta di prepararsi per gli esami orali.

Risultati esami Concorso scuola 2016

Complessivamente i risultanti corrisponderanno al 20% di posti vuoti nelle varie regioni, con un picco in Lombardia, precisamente il 51%, cioè un posto vacante su due.

Di seguito la percentuale di bocciature riportate in alcune regione:

  • Veneto 60%;
  • Abbruzzo 83 %
  • Lombardia il 75%
  • Liguria 69%
  • Molise 63%
  • Marche 91%
  • Lazio 79%
  • Umbria 78%
  • Basilicata 75%
  • Puglia 76%
  • Campania 70%
  • Calabria 69%
  • Friuli Venezia Giulia 55%
  • Piemonte 49%

Volume consigliato:

L’ora di lezione non basta

L’ora di lezione non basta

Marco Orsi, 2015, Maggioli Editore

Galileo aveva vestito il suo occhio con il cannocchiale: ciò gli permise di scoprire la configurazione delle cose celesti. In questo libro l’autore propone di vestire a nuovo le classi delle nostre scuole.Se la formazione è così fondamentale come si dice, allora gli...



Legge 107: riforma buona scuola

La riforma del Tfa anche nota come “buona scuola 2017” giunge all’attenzione delle regioni a seguito della Conferenza Unificata del 23 febbraio.

È iniziato il riordino da parte delle Regioni per l’adeguamento e la semplificazione del sistema di formazione per accedere ai ruoli di docente della scuola secondaria, per approfondire l’argomento e conoscere tutti gli approfondimenti su “come si diventerà insegnanti” ti consigliamo di leggere:

 


CONDIVIDI
Articolo precedenteBonus Assunzioni Giovani e Bonus Sud: al via gli sgravi contributivi per chi assume
Articolo successivoPensioni: novità, dal 2017 aumenta la quattordicesima

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here