Esodati Ottava Salvaguardia

Ottava Salvaguardia: per chi? Ormai in scadenza il termine entro il quale gli Esodati devono presentare domanda all’Inps per essere ammessi all’ottava e ultima salvaguardia, introdotta dalle Legge di Stabilità 2017.

SPECIALE PENSIONI: scopri qui l’eBook di 82 pagine in formato PDF con 1 anno di aggiornamenti inclusi inviati direttamente tramite email!

Comunicato Inps

In particolare, l’ultimo aggiornamento in materia da parte dell’Istituto previdenziale risale allo scorso 23 gennaio: con la comunicazione n. 193 del 17 gennaio 2017, infatti, l’Inps comunicava che il servizio online di gestione delle domande di prestazioni previdenziali era stato aggiornato con la tipologia pensionistica in questione, ai sensi dell’articolo 1 commi da 214 a 218 della Legge 232 /2016.

Ottava Salvaguardia: ecco come fare domanda

I patronati e i cittadini, quindi, possono ancora accedere con le proprie credenziali al servizio online, nella sezione Domanda > Pensione >Ricostituzione >Ratei Maturati.

Si ricorda, però, che i lavoratori in mobilità e i prosecutori volontari presenteranno domanda all’Inps, mentre le altre categorie ammesse all’Ottava Salvaguardia devono inviare istanza alla Direzione Territoriale del Lavoro.

I 30 mila 700 lavoratori interessati, se in regola con i requisiti richiesti, potranno andare in pensione con la disciplina previgente all’entrata in vigore della Riforma Fornero, senza che subiscano, dunque, gli innalzamenti dell’età pensionabile e i più stringenti requisiti contributivi. Quali sono le modalità di accesso?

Esodati: Pensione di vecchiaia

Possono presentare istanza per la Pensione di vecchiaia, con almeno 20 anni di contributi:

  • i lavoratori del settore privato e pubblico con 65 anni d’età;
  • le lavoratrici del settore privato con 60 anni d’età;
  • le lavoratrici del settore pubblico con 61 anni d’età.

Esodati: Pensione di Anzianità

La pensione di anzianità, scomparsa dopo la Riforma Fornero, è ancora applicabile agli esodati, con il sistema delle quote. Possono dunque richiederla:

  • i dipendenti: quota 97,6, con almeno 35 anni di contributi e 61 anni e sette mesi di età. Combinazioni possibili: 62 anni e sette mesi e 35 anni di contributi, 61 anni e sette mesi e 36 anni di contributi;
  • gli autonomi: quota 98,6 con almeno 35 anni di contributi e 62 anni e sette mesi di età. Combinazioni possibili: 63 anni e 7 mesi e 35 di contributi o 62 anni e 7 mesi e 36 di contributi.

Tuttavia non si calcolano nei periodi di contribuzione figurativa malattia o disoccupazione, vale solo la contribuzione effettiva, computata anche per frazioni di mese. A partire dalla data di maturazione del requisito, bisognerà aggiungere la finestra mobile per la decorrenza, di 12 mesi per i dipendenti e 18 mesi per gli autonomi.

Esodati: Pensione Anticipata

L’ultima possibilità di accesso all’ottava salvaguardia è poi quella prevista dalla pensione anticipata ante Fornero, presentando 40 anni di contributi, indipendentemente dall’età anagrafica. La finestra mobile pari a 15 mesi per i dipendenti e 21 mesi per gli autonomi.


CONDIVIDI
Articolo precedenteRottamazione Cartelle Equitalia: scadenza vicina, come e quando aderire
Articolo successivoAnalisi della validità forense della prova del dna al convegno di Lucca

1 COOMENTO

  1. la domanda di pensione per ottava salvaguardia e stata presentata 8 marzo 2017 perche il certificato dei requisiti e arrivato 8 marzo la domanda e valida visto che i termini erano fissati al 2 marzo 2017

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here