Cyberbullismo

Procede l’iter legislativo di quella che fu la proposta di legge contro il cyberbullismo. Il 31 gennaio 2017 ha ricevuto l’approvazione del Senato, con un solo voto contrari e sei astenuti. Tocca ora nuovamente alla Camera esprimersi sulla normativa stilata. La stessa era stata anche oggetto di revisione da parte della Commissione Affari Costituzionali.

Cyberbullismo: approvata proposta di legge

Il tema centrale è l’educazione all’uso responsabile delle nuove tecnologie. I soggetti da tutelare sono prettamente i minori, in quanto vittime indifese di fenomeni di bullismo e cyber bullismo. Non si tratta, infatti, di generico diritto all’oblio, di cui sono titolari anche persone adulte. Infatti, la sola censura non può configurarsi come uno strumento idoneo a debellare il cyberbullismo, soprattutto se si pensa alla questione prevenzione.

Ma che differenza c’è tra bullismo e cyber bullismo? La lettera della legge la chiarisce in prima battuta.

Cyberbullismo Bullismo: qual è la differenza?


Infatti, si definisce bullismo “ l’aggressione o la molestia ripetuta” nei confronti di una o più vittime “allo scopo di ingenerare in essi timore, ansia o isolamento ed emarginazione”.

Viceversa, il cyberbullismo è una una forma di comportamento diffusasi enormemente negli ultimi anni, e rappresenta un atto di bullismo “che si realizza attraverso la rete telefonica, la rete Internet, i social network, la messaggistica istantanea o altre piattaforme telematiche”.

All’interno del testo normativo, sono incluse anche altre forme di bullismo telematico: ad esempio, “la realizzazione e la diffusione online, attraverso Internet, chat-room, blog o forum, di immagini, registrazioni o altri contenuti aventi lo scopo di offendere l’onore e la reputazione della vittima”.

Bullismo e cyberbullismo dopo la L. 29 maggio 2017, n. 71

Bullismo e cyberbullismo dopo la L. 29 maggio 2017, n. 71

Maria Sabina Lembo, 2017, Maggioli Editore

Alla luce della nuova disciplina introdotta dalla L. 29 maggio 2017, n. 71, l’opera è un’analisi del bullismo e del cyberbullismo, condotta in maniera eminentemente pratica e operativa. Il volume vuole dare risposte chiare a domande del tipo: cosa bisogna intendere per...



Cyberbullismo: quali sono le nuove misure di prevenzione?

Tra le misure di prevenzione previste all’interno del ddl, vi sono anche:

  1. la possibilità, per il minore (anche senza che il genitore lo sappia) di chiedere direttamente al gestore del sito l’oscuramento o la rimozione della “cyber aggressione”. Nel caso in cui il gestore ignori l’allarme, la vittima, stavolta con il genitore informato, potrà rivolgersi al Garante per la Privacy che entro 48 ore dovrà intervenire.
  2.  “procedura di ammonimento“: il bullo over 14 sarà convocato dal Questore insieme a mamma o papà e gli affetti dell’ammonimento cesseranno solo una volta maggiorenne.
  3. ogni scuola dovrà individuare tra i professori un addetto al contrasto e alla prevenzione del “cyberbullismo” che potrà avvalersi della collaborazione delle Forze polizia.

CONDIVIDI
Articolo precedentePignoramento presso terzi e Rottamazione Cartelle Equitalia: cosa possono pignorare?
Articolo successivoTrasparenza PA: comunicazione XML 190/2012, qualche consiglio operativo

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here