concorso agenzia delle entrate

Grande attesa per il prossimo concorso Agenzia delle Entrate. L’esigenza di reclutamento ha origine da quella volta ad intensificare le attività di verifica contro l’evasione fiscale.

Concorso Agenzia delle Entrate: quanti posti ci sono?

Dopo quello del 2015, che bandiva 892 posti da funzionari per amministrativo-tributari, nei prossimi mesi saranno messi a disposizione tramite concorso altri 740 posti tra funzionari e dirigenti.

Vuoi essere informato su tutte le novità che riguardano Concorsi e Abilitazione? 

Clicca qui

Concorso Agenzia delle Entrate: requisito della laurea

Per questi ultimi profili professionali è prevista lo svolgimento di un’attività amministrativa-tributaria o contabile. Pertanto, requisito di ammissione al bando di concorso è il possesso della laurea in una delle seguenti facoltà: giurisprudenza, scienze politiche ed economia e commercio (o lauree equipollenti).

Il piano di assunzioni in base al quale è stato progettato il concorso, prevede l’assorbimento delle nuove risorse in tre anni frazionati. In particolare, tra il 2015 e il 2017 dovevano essere assunti:

  • 400 nel 2015
  • 350 nel 2016
  • 350 nel 2017

Concorso Agenzia delle Entrate: il corso-concorso

Il bando è atteso per giugno per quanto riguarda la prima fascia di assunzioni; per gli inserimenti successivi, invece, verrà pubblicato entro il mese di luglio di ogni anno. Lo stesso bando includerà informazioni sulle materie che saranno oggetto di prova concorsuale.

Inoltre, si prevede che a seguito delle assunzioni di prima fascia avrà luogo un tirocinio retribuito che partirà dal mese di luglio per una durata di sei mesi.

Solo superato l’esame del c.d. corso-concorso, si otterrà l’assunzione a tempo indeterminato presso l’Agenzia delle Entrate in fascia retributiva F1. Non sarebbe logico infatti prescindere dalla preventiva formazione di quelli che saranno per un lungo periodo i funzionari dell’Agenzia delle Entrate.

Concorso Agenzia delle Entrate: quali sono le materie d’esame?

Le prove dell’ esame finale sono due:

  • la prima su aspetti giuridico-contabili (diritto tributario, contabilità, diritto amministrativo, diritto commerciale, civile, penale e statistica);
  • la seconda su logica, ragionamento e comunicazione verbale.

CONDIVIDI
Articolo precedenteMulte autovelox: quando è possibile non pagare?
Articolo successivoL’uomo è una risorsa pericolosa per le aziende del futuro.

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here