bollo auto

Il prossimo 31 gennaio, per alcuni scadrà il bollo auto 2017, in questi giorni sicuramente si starà effettuando il calcolo di quanto pagare. Per chi ha acquistato un veicolo di prima immatricolazione deve versare il bollo entro il mese di immatricolazione, se avviene negli ultimi 10 giorni del mese si può pagare 30 giorni dopo l’immatricolazione.

Il bollo auto è una tassa che riguarda la proprietà del veicolo, quindi va sempre pagato anche se il mezzo non si usa. Ogni anno si calcola in base alle disposizioni regionali, gli elementi da considerare sono:

  • la potenza del veicolo in KW
  • l’impatto sull’ambiente

Quindi maggiore sarà la classe di inquinamento, minore è la potenza e quindi più basso l’importo da pagare.

Per chi deve pagare il bollo, la scadenza è in arrivo


I soggetti che sono chiamati a pagare il bollo 2017 devono farlo entro il 31 gennaio e per calcolare la somma da versare basta inserire il numero di targa per conoscere online e l’importo richiesto.

Vi consigliamo di utilizzare i simulatori presenti nei siti dell’Aci e dell’Agenzia delle Entrate. Per chi possiede veicoli con una potenza superiore ai 185 KW e quindi deve conoscere la somma del superbollo può anche utilizzare il format presente nel nostro sito:

Calcolo Superbollo

Per chi possiede un auto di grossa cilindrata, superiore ai 185Kw, sono previsti 20 euro a kW per ogni kW superiore alla soglia prefissata in caso l’auto sia di nuova costruzione, 12 euro a kW in caso abbia cinque anni di vita, 6 euro a kW nel caso ne abbia dieci e 3 euro a kW dopo 15 anni.

Dove pagare il bollo auto 2017?

Ecco dove pagare il bollo:

  • sedi Aci;
  • uffici postali;
  • tabacchi convenzionati con Banca ITB e quelli del circuito Lottomatica;
  • agenzie di pratiche auto o procedere in modalità ATM (sportello Bancomat);
  • mediante i servizi di Internet banking.

Attenzione esistono casi in cui è prevista l’esenzione o delle riduzioni del bollo auto, anche se le condizioni cambiamo da regione a regione, di seguito un elenco che può essere utile:

  • auto per disabili, invalidi e portatori di handicap;
  • auto ibride;
  • auto elettriche;
  • auto alimentate esclusivamente a GPL e Metano;
  • veicoli storici ultratrentennali a uso proprio o promiscuo.

Per conoscere le condizioni si consiglia di consultare il sito dell’ACI.

Ti consigliamo questo volume:


CONDIVIDI
Articolo precedenteEsenzione Canone Rai: ecco il modulo per la scadenza del 31 gennaio
Articolo successivoMulte stradali notturne più care

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here