pensioni-precoci-disabili

La cosiddetta “quota 41“, introdotta dalla Legge di Stabilità 2017,  consiste nella possibilità di pensionamento anticipato con 41 anni di contributi, per i lavoratori che abbiano iniziato a lavorare prima dei 19 anni di età. Per usufruire della pensione anticipata, tuttavia, non è sufficiente essere lavoratori precoci, ma è necessario rientrare in determinate categorie.

Ci si chiede come mai, allora, tra questi gruppi di lavoratori figurino gli invalidi ma non i disabili.

Invalidità o disabilità: quale dà diritto alla “quota 41”?

La disabilità, in sé, non è condizione sufficiente a che il lavoratore precoce acceda alla “quota 41”.  Ciò è permesso invece gli invalidi, e precisamente coloro che abbiano una riduzione della capacità lavorativa almeno pari al 74%.

Può sicuramente succedere che un lavoratore sia contemporaneamente invalido e disabile, ma è in ogni caso l’invalidità e non la disabilità che garantisce l’accesso alla quota 41. Perché?

SPECIALE PENSIONI: scopri qui l’eBook di 82 pagine in formato PDF con 1 anno di aggiornamenti inclusi inviati direttamente tramite email!

Quali sono le differenze tra invalidità e disabilità?

La risposta al quesito consiste nella differenza sostanziale che c’è tra invalidità e disabilità.

Disabilità, che cosa si intende?

La persona disabile possiede una menomazione fisica o psichica che è causa di difficoltà di apprendimento, di svantaggio sociale o comunque di emarginazione. Infatti, quelli di disabilità e handicap sono due concetti strettamente collegati: la disabilità è la menomazione in sé, mentre l’handicap è lo svantaggio che ne deriva. Con entrambe le espressioni si fa riferimento a un disagio personale del cittadino, che va oltre il semplice ambito lavorativo.

Invalidità, che cosa si intende?

L’invalidità, al contrario, si riferisce specificamente alla riduzione permanente della capacità di svolgere attività lavorativa, espressa anche in percentuale. Ecco perché sono i lavoratori con disabilità superiore a una data percentuale, e non i disabili che non siano anche invalidi, a poter usufruire della pensione anticipata.

Vediamo ora nel dettaglio cosa prevede la normativa sulla quota 41.

Manuale pratico  dell’amministrazione  di sostegno

Manuale pratico dell’amministrazione di sostegno

Francesca Sassano, 2016, Maggioli Editore

Il  testo è un’analisi pratica dell’amministrazione di sostegno, istituto posto a tutela della persona che, per effetto di una infermità ovvero di una menomazione fisica o psichica, si trova nella impossibilità, anche parziale o temporanea, di provvedere ai...



La “quota 41” e i lavoratori precoci: chi ne ha diritto?

Dal 2017 i lavoratori precoci, ovvero tutti coloro che abbiano maturato 12 mesi di contributi prima del compimento del 19° anno di età, potranno pensionarsi una volta raggiunti i 41 anni di contributi. Questo per agevolare i cittadini che hanno iniziato a lavorare prima degli altri.

Quali sono i requisiti per beneficiare della quota 41?

Il requisito dei 12 mesi di contributi prima dei 19 anni, tuttavia, non è sufficiente. Per la quota 41 il lavoratore precoce deve infatti:

  •  trovarsi in stato di disoccupazione, anche a causa di licenziamento collettivo e non aver percepito indennità di disoccupazione per almeno tre mesi; oppure
  • assistere un parente disabile da almeno sei mesi; oppure
  • essere un invalido con riduzione della capacità lavorativa superiore o uguale al 74%; oppure
  • svolgere da almeno 6 anni in via continuativa lavori usuranti o rischiosi come dipendente: per questa categoria si intendono gli operai del settore edile e dell’industria estrattiva, i conciatori di pelle, i conduttori di convogli ferroviari, gli infermieri e gli ostetrici con lavoro organizzato in turni e i professori di scuola pre-primaria. Per saperne di più, leggi anche: Pensione anticipata, cosa cambia tra attività “usurante” e attività “gravosa”?
LA PROTEZIONE PATRIMONIALE DEI SOGGETTI DISABILI

LA PROTEZIONE PATRIMONIALE DEI SOGGETTI DISABILI

Giammatteo Rizzonelli - Piero Bertolaso Brisotto, 2017, Maggioli Editore

Con il decreto attuativo interministeriale, firmato il 23 novembre 2016, è divenuta operativa la Legge 22 giugno 2016, n. 112 – nota come legge sul “Dopo di noi” – volta a favorire il benessere, la piena inclusione sociale e l’autonomia dei soggetti con...




CONDIVIDI
Articolo precedenteCartelle Equitalia: quando la notifica è irregolare
Articolo successivoRottamazione Cartelle Equitalia: l’ultima scadenza per la sanatoria

2 COMMENTI

  1. sono disoccupato dal 2007 non ho sufficenti contributi per una pensione non riesco a trovare lavoro ho 61 anni.
    sono invalido al78% da circa 13 anni riscuoto una pensione di circa 279 euro che non mi permette di vivere e di provvedwre ai miei bisogni. in questi ultimi anni le mie condizioni si sono aggravate cosa posso fare?

  2. in questi giorni, mio marito nato nel 1956 sta valutando la possibilità di accedere al’art. 41. Infatti ha 53 settimane di lavoro prima dei 19 anni , ha maturato i 41 anni di lavoro ee è invalido al 75%. Gli è stato detto che dovrà aspettare per avere il suo TFR fino alla maturazione della pensione di VECCHIAIA, cioè tra 7 anni!
    Ma è possibile una cosa del genere? anche se matura il diritto ad andare in pensione già nel 2018? Purtroppo siamo abituati a queste leggi trabocchetto che sembrano venire incontro ai cittadini e nascondono poi un imbroglio. Mi sapete dire se questa è una interpretazione restrittiva o una reale possibilità?
    grazie

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here