Home PrimoPiano Legge 104 ed esenzione dal bollo auto

Legge 104 ed esenzione dal bollo auto

legge-104-bollo

Con la legge 104 i cittadini disabili e invalidi possono essere esenti dal pagamento del bollo auto. Però l’agevolazione non è consentita a tutti i portatori di handicap ma solo alcune categorie di disabili gravi e a chi si occupa di loro. La richiesta dell’esenzione del bollo, varia da Regione a Regione.

Vediamo nel dettaglio cosa fare per ottenere la suddetta agevolazione.

Approfondisci e vai alla speciale su LEGGE 104: AGEVOLAZIONI E PERMESSI, LA GUIDA

Quali soggetti possono ottenere l’esenzione dal bollo auto

L’esenzione dal bollo auto è destinata a soggetti con disabilità permanente che quindi presentano:

  • patologie che riducono le capacità motorie in maniera permanente;
  • grave limitazioni della capacità di deambulazione;
  • disabilità per la quale è stata riconosciuta l’indennità di accompagnamento;
  • cecità o sordità.

Una volta ottenuta l’esenzione non è necessario rinnovarla.


Per altre informazioni sulla Legge 104 nel seguente volume:

I veicoli per i quali è prevista l’esenzione dal bollo

L’esenzione dal bollo non è prevista per tutte le auto, ma si applica solo ad alcune categorie, ovviamente è necessario che il veicolo sia abitualmente condotto dal soggetto disabile o da un suo accompagnatore. Inoltre l’auto deve essere intestata al soggette in questione o ad un familiare che lo ha in carico.

I veicoli possono essere nuovi o usati con cilindrata fino a 2000 cc (con motore a benzina) e fino a 2800 cc (con motore diesel).

Se si cambia auto?

La legge 104 prevede che l’esenzione dal bollo sia solo per un solo veicolo, se il soggetto in questione ne possiede un altro ne dovrà scegliere uno.

Se sostituirà l’auto il vecchio veicolo sarà cancellato dal Pubblico Registro Automobilistico e verrà inserito il nuovo.

LA PROTEZIONE PATRIMONIALE DEI SOGGETTI DISABILI

LA PROTEZIONE PATRIMONIALE DEI SOGGETTI DISABILI

(Legge 22 giugno 2016, n. 112)

› Trust ex lege 112/2016

› Trust per soggetti svantaggiati

› Donazione modale

› Contratto mantenimento

› Trust collettivo Onlus

Giammatteo Rizzonelli - Piero Bertolaso Brisotto, 2017, Maggioli Editore
26.00 € 24.70 €

Come richiedere l’esenzione dal bollo

La modalità per presentare la domanda di esenzione dal bollo auto varia dalla Regione di residenza.  Insieme alla richiesta è necessario presentare la documentazione medica che attesta l’invalidità all’ufficio tributi.

Nelle Regioni dove non è presente un ufficio tributi si fa riferimento all’Agenzia delle Entrate.




© RIPRODUZIONE RISERVATA


CONDIVIDI

3 COMMENTI

  1. sono una signora di anni 83 disabile con accompagno,riconosciuta con sentenza del Tribunale di Civitavecchia,l’ufficio della polizia locale mi ha più volte respinto al richiesta di concessione di uno stallo personalizzato.L’ultima istanza è stata respinta con la seguente motivazione”si è espresso parere negativo perchè pur ricorrendo i requisiti medici la richiedente risulta accompagnata”!!!lconsiderato inoltre che le mie condizioni di salute si sono ulteriormente aggravate con la fibrillazione atriale ed un aneurisma al circolo cerebrale che mi causa difficoltà di equilibrio,non so a quali regolamenti i TUTORI DELLA LEGGE hanno fatto riferimento per tale diniego.Aggiungo inoltre che la via dove risiedo e densamente abitata ed è sede di negozi,bar,scuola studi medici,ambulatorio,analisi,clinica, farmacia,pizzeria ecc.Chiedo il Vostro parere su tale decisione,grazie
    Giulia

  2. Sono un portatore di handicap grave comma 3 e legge 104 e assegno di accompagno posso chiedere esenzione bollo regione Lazio grazie

  3. Ho provato da poco,l’auto deve essere adattata.Mi chiedono il sedile girevole,la panchetta costa 900€ con l’IVA 4%.un sedile girevole????Persona 90enne,invalida al 100%,pensione minima per risparmiare 100€ di bollo ne deve spendere 1500/2000€.non dico altro

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome