permessi legge 104

Soltanto quando tutte le ore di congedo da lavoro vengono utilizzate per assistere il parente disabile si possono utilizzare i permessi settimanali concessi dalla Legge 104.

Approfondisci e vai alla speciale su LEGGE 104: AGEVOLAZIONI E PERMESSI, LA GUIDA

Al riguardo, la legge non è del tutto specifica e in alcuni casi non è necessario essere materialmente a fianco del disabile durante il congedo. Tuttavia deve esserci un collegamento diretto tra i bisogni del disabile e le attività che vengono svolte nelle ore di permesso; contrariamente si rischia il licenziamento.

Permessi Legge 104: quando sono concessi?

In base alla Legge 104 del 5 febbraio 1992 si stabilisce che “il lavoratore dipendente, pubblico o privato, che assiste persona con handicap in situazione di gravità” con grado di parentela fino al secondo grado “ha diritto a fruire di 3 giorni di permesso mensile retribuito, anche in maniera continuativa“.

Pertanto, i 3 giorni di permesso, teoricamente, sono possibili solo quando il periodo di congedo viene utilizzato per l’assistenza al familiare disabile; sono invece esclusi gli interessi personali.

LA PROTEZIONE PATRIMONIALE DEI SOGGETTI DISABILI

LA PROTEZIONE PATRIMONIALE DEI SOGGETTI DISABILI

Giammatteo Rizzonelli - Piero Bertolaso Brisotto, 2017, Maggioli Editore

Con il decreto attuativo interministeriale, firmato il 23 novembre 2016, è divenuta operativa la Legge 22 giugno 2016, n. 112 – nota come legge sul “Dopo di noi” – volta a favorire il benessere, la piena inclusione sociale e l’autonomia dei soggetti con...



Congedo: le attività ammesse

Non si tratta esclusivamente delle azioni compiute a casa, materialmente a fianco del parente disabile, ma ci si riferisce a prestazioni di natura assistenziale, quindi anche quelle che soddisfano gli interessi della persona portatrice di handicap, inclusa la spesa di generi alimentari o di medicine per suo conto.

Durante le ore di congedo, quindi, ci si può allontanare dal luogo dove il parente disabile risiede, se l’allontanamento serve comunque ad assistere la persona che si accudisce.

Le attività non ammesse

Deve quindi sussistere una congiunzione chiara tra l’attività svolta e l’assistenza al disabile. Anche se è difficile tracciare una linea precisa tra cosa si può fare e cosa no durante le ore di permesso concesse dalla Legge 104, la giurisprudenza al riguardo ha adottato il principio di ragionevolezza.

Ad esempio, sarebbe concessa la spesa per il fabbisogno personale del lavoratore quando questa sia compiuta allo stesso momento dell’acquisto di beni per la persona disabile.

A livello generale si consiglia comunque di non compiere durante le ore di permesso attività che non siano direttamente collegate all’assistenza al disabile perché si rischia il licenziamento per giusta causa.

Tutte le informazioni nel seguente volume:

Applicare la legge 104/1992

Applicare la legge 104/1992

Marta Bregolato, 2015, Maggioli Editore

Questa nuovissima Guida pratica sull’applicazione della Legge n. 104/92 - Legge-quadro dedicata interamente alle persone affette da handicap (diritti per l’integrazione sociale, per assicurarne l’assistenza e la tutela e per l’inserimento nel campo della formazione...



Permessi Legge 104: quando si rischia il licenziamento dal lavoro?

Di recente, nella sentenza n. 17968 del 13 settembre la Corte di Cassazione ha ribadito che è legittimo licenziare il lavoratore che, abusando della Legge 104, utilizza le ore di permesso per motivi personali.

Con la sentenza citata, infatti, è stato respinto il ricorso di una dipendente del Comune licenziata per aver usato il permesso allo scopo di frequentare delle lezioni universitarie. Nella sentenza si specifica che in materia di congedo per Legge 104 deve assolutamente esistere un preciso “nesso causale tra assenza dal lavoro ed assistenza al disabile”.

Manuale pratico  dell’amministrazione  di sostegno

Manuale pratico dell’amministrazione di sostegno

Francesca Sassano, 2016, Maggioli Editore

Il  testo è un’analisi pratica dell’amministrazione di sostegno, istituto posto a tutela della persona che, per effetto di una infermità ovvero di una menomazione fisica o psichica, si trova nella impossibilità, anche parziale o temporanea, di provvedere ai...




CONDIVIDI
Articolo precedenteCondono Equitalia 2016, come funziona? Come difendersi dalla nuova Equientrate
Articolo successivoPerché Donald Trump ha vinto le elezioni e cosa accadrà adesso

5 COMMENTI

  1. sono riccardo, ho 19 anni, quasi venti, sono un sardo, della provincia di oristano.. mi sto per diplomare in ragioneria e mi dovrei iscrivere alle liste speciali.. ho un dubbio… è fattibili che il tratto lavorativo concessosi dal datore di lavoro, o al comune, duri solo due anni ?? c’è un modo che lavori tranquillo sapendo di lavorare in un tempo indeterminato e fino all’ età pensionabile ??

  2. se il disabile dista piu di 150 kilometri dall’abitazione di chi lo cura e’ vero che costui deve cambiare la residenza per il periodo per cui presta l’assistenza che puo’ essere di 30 giorni?

  3. Non si e obbligati a dare in anticipo i giorni che servono al datore di lavoro ,o c’è una legge che lo impone….grazie Caterina

  4. scusate e possibile che per usufruire della 104 .mi hanno detto che la posso richiedere solo quando il disabile deve fare una visita .io assisto mia moglie che e invalida al 100 per 100 a la sindrome di guillan barre e possibile questo che dice il datore di lavoro.

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here