assegnazione agevolata beni ai soci

Molto probabilmente la nuova Legge di Stabilità 2017, il cui testo definitivo sarà approvato nei prossimi giorni, confermerà l’estensione al 30 settembre 2017 del trasferimento agevolato dei beni delle imprese ai soci.

Si tratta di un beneficio fiscale, previsto dalla Legge di Stabilità 2016, scaduto il 30 settembre scorso e che ora quindi viene prorogato di un anno esatto.

Di seguito si riportano i vantaggi per le imprese.


Per approfondire si consiglia il seguente volume:

Assegnazione agevolata dei beni ai soci

Assegnazione agevolata dei beni ai soci

Studio Mattavelli, 2016, Maggioli Editore

La Legge di stabilità 2016 ha reintrodotto l’agevolazione per l’assegnazione dei beni ai soci.Si tratta di una disposizione che può portare molti vantaggi e risparmi fiscali ma che, allo stesso tempo, deve tenere conto di molteplici aspetti, non soltanto societari, ma...



Trasferimento agevolato dei beni ai soci: come funziona?

Entro il 30 settembre 2017 quelle società che assegneranno o cederanno ai propri soci beni mobili o immobili iscritti in pubblici registri e non utilizzati come beni strumentali nell’attività propria dell’impresa potranno usufruire di un regime fiscale agevolato.

Analoga misura vale per la trasformazione in società semplici delle società che hanno per oggetto esclusivo o principale la gestione di suddetti beni.

I vantaggi per le imprese

Per quanto riguarda i casi citati di cessione dei beni ai soci le imposte sui redditi e l’imposta regionale sulle attività produttive (IRAP) vengono sostituite temporaneamente da un’imposta agevolata. Questa imposta va applicata su una base imponibile che si determina sulla differenza tra il valore normale del bene assegnato e il rispettivo costo fiscalmente riconosciuto ed è pari all’8% nei casi ordinari e al 10,5% per le società non operative o in perdita sistematica.

Imprenditori individuali

Inoltre, la Legge di Stabilità 2017 estende il beneficio fiscale agli imprenditori individuali che vogliano escludere dal patrimonio dell’impresa gli immobili strumentali posseduti alla data del 31 ottobre 2016. In maniera simile a quanto previsto per l’assegnazione dei beni delle imprese ai soci, l’imposta agevolata per il 2017 sarà pari all’8%.

Tale misura potrà essere effettuata a partire dal 1° gennaio al 31 maggio 2017: la prima rata (nella misura del 60%) dovrà essere versata entro il 30 novembre 2017 mentre la seconda entro il 16 giugno 2018.

Semplificazione del sistema fiscale e societario: cosa cambia?

E’ stato il viceministro dell’economia Luigi Casero, intervenendo al Convegno di Milano dell’Associazione Nazionale dei Commercialisti e della Confprofessionisti, che ha confermato l’estensione dell’agevolazione al 30 settembre 2017.

L’iniziativa, ha dichiarato Casera, risponde allo scopo di “semplificare molto il sistema fiscale e societario in Italia”, nella consapevolezza che “molte società, attualmente, non svolgono la funzione economica per cui sono sorte”.

L’estensione delle agevolazioni al 2017 permetterà di far fronte ai ritardi nei provvedimenti applicativi dell’Agenzia delle Entrate.


CONDIVIDI
Articolo precedenteQuando può l’amministratore escludere il condòmino moroso dai servizi comuni?
Articolo successivoElezioni USA 2016: Hillary Clinton potrebbe aver vinto. Grazie all’FBI

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here