diritto di ripensamento

Il Codice del Consumo disciplina il  diritto di ripensamento inteso come  forma particolare di recesso utilizzata nei contratti stipulati a distanza o al di fuori dei locali commerciali.

Pensiamo, ad esempio, all’acquisto di un bene tramite televendita (a distanza) oppure – esempio classico – il contratto  stipulato nel domicilio di una delle parti( fuori dai locali commerciali).

Ebbene, in queste ipotesi il legislatore ha ritenuto di dover predisporre un rafforzamento di tutela per il consumatore tramite, appunto, il diritto di ripensamento.

COME SI ESERCITA IL DIRITTO DI RIPENSAMENTO


E’ molto semplice: il consumatore può recedere dal contratto con una dichiarazione unilaterale, senza penalità e senza alcun obbligo di specificare il motivo.

Il  venditore dovrà necessariamente restituire l’intera somma dell’acquisto.

E’ importante evidenziare che il consumatore ha diritto al ripensamento in tutte quelle ipotesi – riportate sopra – nelle quali non è possibile vedere e sperimentare dal vivo il prodotto acquistato .

Quando, invece, il prodotto si può vedere – come ad esempio l’acquisto effettuato in un negozio – non è possibile esercitare il diritto al ripensamento.

Ovviamente la legge stabilisce sempre un diritto di recesso qualora vi sia un inadempimento contrattuale di una delle parti oppure la merce si rivela difettosa ma, in tal caso, parliamo appunto di “recesso” e non di  “ripensamento”.

Recesso nei contratti telefonici: come e quando si esercita

Potrebbe interessarti anche:

Come difendersi dai contratti con gli operatori  telefonici

Come difendersi dai contratti con gli operatori telefonici

Di Paola Nunzio Santi, 2015, Maggioli Editore

Il testo, aggiornato al D.LGS. 6 agosto 2015, n. 130 recante i principi volti ad armonizzare la disciplina relativa alla risoluzione alternativa delle controversie dei consumatori, con FORMULE e GIURISPRUDENZA, indica la procedura e le strategie da utilizzare per vedere accolte le proprie...



Una forma tipica e molto diffusa di recesso è quella inerente ai contratti telefonici.

Molto spesso i consumatori riscontrano problemi con le compagnie telefoniche e vorrebbero recedere dal contratto stipulato ma non sanno bene come regolarsi.

Ecco una piccola guida:

  • Il recesso deve essere esercitato entro dieci giorni lavorativi dalla data di consegna o di sottoscrizione del contratto.
  • Nel caso in cui il gestore di telefonia non ha rispettato gli obblighi informativi cui è tenuto, il predetto termine sarà maggiorato: rispettivamente giorni 60 o giorni 90 a seconda del caso concreto.
  • Il diritto di recesso si esercita inviando una raccomandata con ricevuta di ritornoall’operatore telefonico con il proprio documento di identità.

 


CONDIVIDI
Articolo precedenteElezioni USA 2016: come Donald Trump può vincere e diventare presidente
Articolo successivoReferendum costituzionale 2016: garanzie costituzionali e strumenti partecipazione popolare

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here