Depenalizzazione 2016

Novità in campo di depenalizzazione: di recente le Sezioni unite penali hanno ulteriormente chiarito quando il giudice può trasformare gli illeciti penali in amministrativi.
In particolare, la depenalizzazione si può estendere ai capi civili se la sentenza è in sede di impugnazione, diversamente non si può estendere se è passata in giudicato.

Clicca qui per approfondire le NOVITA’ SULLA DEPENALIZZAZIONE

La questione su cui verte la discussione è nata a proposito di una condanna inflitta per il reato di danneggiamento in cui era già stato imposto il risarcimento del danno, nonostante il reato fosse stato abolito con le novità introdotte dalla manovra di depenalizzazione, precisamente dal decreto legislativo n.7 del 2016.


Prima di giungere alla conclusione del fatto in questione sono state messe a confronto due tesi:
• la prima valorizza l’articolo 2 comma secondo del Codice penale, secondo il quale l’abolitio criminis porta alla cessazione degli effetti penali della condanna sopravvivendo solo le obbligazioni civili. Questo primo orientamento ritiene che il giudice dell’impugnazione non deve considerare il fatto come un reato, quindi gli effetti delle disposizioni e dei capi della sentenza riguardano solo gli effetti civili;

• la seconda tesi esclude la possibilità al giudice dell’impugnazione di pronunciarsi sulle delibere civili.

Potrebbe interessarti anche: Depenalizzazione: tutti i reati cancellati. Quali effetti?

Con l’informazione depositata da poco dalle Sezioni unite penali, è prevalsa la prima tesi per cui anche il giudice può depenalizzare le conseguenze civili.

Per ulteriori chiarimenti puoi leggere:
Corte di cassazione, Sezioni unite penali, informazione provvisoria del 29 settembre 2016

Si consiglia il seguente volume:

Depenalizzazione  e decriminalizzazione

Depenalizzazione e decriminalizzazione

Giuseppe Napolitano - Fabio Piccioni, 2016, Maggioli Editore

Il testo traccia, in due distinti capitoli, la disamina del decreto legislativo 15 gennaio 2016, n. 8, recante: “Disposizioni in materia di depenalizzazione, a norma dell’articolo 2, comma 2, della legge 28 aprile 2014, n. 67” e del decreto legislativo 15 gennaio 2016, n. 7,...



[photo credit ©Roby Bettolini Bergamo, 05/11/2003 TRIBUNALE DI BERGAMO]


CONDIVIDI
Articolo precedenteRiforma Pensioni: l’accordo c’è. Ecco cosa cambia subito e cosa no
Articolo successivoSuccessione ereditaria. Come funziona la nomina dell’esecutore testamentario

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here