legge cirinnà

Sono trascorsi 4 mesi da quando è stata approvata la legge Cirinnà che disciplina l’unione civile tra persone dello stesso sesso e le convivenze di fatto tra soggetti etero.

Per saperne di più vai allo speciale UNIONI CIVILI: COSA CAMBIA CON LA LEGGE CIRINNA’

Grazie alla Legge Cirinnà il numero delle unioni civili  in Italia ha raggiunto dei buoni risultati e tra i vari comuni Milano è la città italiana in cui più si è usufruito dell’istituto giuridico in questione con 26 unioni omossessuali e 128 etero, situazione opposta nelle città di Campobasso e Aquilia con nessuna richiesta.


Cerchi un avvocato? Confronta subito i preventivi dei nostri migliori esperti. È gratis!

Ricordi cosa prevede la Legge Cirinnà?

Per la prima volta in Italia è presente un istituto legislativo che tutela le coppie omosessuali che vogliono unirsi civilmente. È diverso dal matrimonio regolamentato dall’articolo 29 della Costituzione, ma i diritti e i doveri previsti si possono equiparare a questo. Precisamente la coppia deve indicare:

  • il regime patrimoniale se è in comunione o in separazione dei beni;
  • un indirizzo di residenza comune
  • se assumere un cognome comune o affiancare il proprio con quello del partner

Le parti unite civilmente assumono medesimi diritti e doveri e dall’unione ne deriva l’obbligo all’assistenza morale e materiale e alla coabitazione; le parti sono tenute a contribuire ai bisogni del partner.

L’unione civile non prevede l’obbligo di fedeltà e la possibilità di adottare eventuali figli del coniuge.

Il nuovo istituto legislativo prevede che le parti possono decidere di sciogliere l’accordo e il giudice può riconoscere a uno dei conviventi il diritto agli alimenti proporzionalmente alla durata dell’unione.

Se desideri approfondire la disciplina delle coppie di fatto e delle unioni civili, puoi consultare:

Unioni civili e convivenze di fatto L. 20 maggio 2016, n. 76

Unioni civili e convivenze di fatto L. 20 maggio 2016, n. 76

A cura di Marilena Gorgoni, 2016, Maggioli Editore

Dopo un travaglio lungo trent’anni, l’Italia si è data una regolamentazione delle unioni civili tra persone dello stesso sesso e delle convivenze “di fatto” omo ed eterosessuali con L. 20 maggio 2016 n. 76 (G.U. 21 maggio 2016, n. 118).La disciplina si era ormai...




CONDIVIDI
Articolo precedenteDecesso del titolare dell’azienda agricola? Il subentro dell’erede
Articolo successivoReferendum costituzionale e ponte sullo stretto: le ultime di Renzi

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here