omicidio colposo

In quanto primo cittadino e dunque organo responsabile dell’amministrazione comunale, sul sindaco pesa un vero e proprio obbligo di controllo del lavoro dei dirigenti. Questo è quanto stabilito dalla sentenza della Quarta Sezione Penale della Corte di Cassazione del 13 maggio 2016, n. 20050.

La sentenza è arrivata dopo il caso di cronaca della ragazzina che, nel giorno del suo compleanno, salendo sul parapetto di un bastione in un punto dove il dislivello del terreno non era visibile per via della vegetazione e della scarsa illuminazione, è precipitata nel vuoto, morendo sul colpo.

Posizione di garanzia: cos’è e quando è valida?

Tutte le volte che un bene giuridico richiede protezione e il titolare non risulta capace da solo di proteggerlo sussiste, come ribadito più volte dalla giurisprudenza di legittimità, la c.d. “posizione di garanzia”.


Quali sono le responsabilità della P.A.? Lo spiega il seguente volume

Responsabilità della p.a.  e degli impiegati  pubblici

Responsabilità della p.a. e degli impiegati pubblici

Giuseppe Cassano, 2015, Maggioli Editore

Il testo, aggiornato con la sentenza della Cassazione a Sezioni Unite n. 15350 del 22 luglio 2015 sul danno tanatologico, analizza la giurisprudenza di riferimento per quantificare e risarcire i danni per la responsabilità della P.A. o degli impiegati pubblici. La possibilità...



Affinché tale posizione sia valida, bisogna che vi sia una fonte giuridica (anche negoziale) con finalità di tutelare il suddetto bene e che tale obbligo sia a carico di una o più persone specificamente individuate, dotate dei poteri volti ad evitare la lesione del bene garantito, ovvero a esse siano riservati i mezzi idonei a richiedere gli interventi necessari ad impedire che il danno venga cagionato (Cass. pen., Sez. IV, 10 giugno – 4 novembre 2010, n. 38991).

Sindaco: quali responsabilità?

Il Sindaco è l’organo responsabile dell’amministrazione del Comune, come stabilito all’art. 50 del Testo Unico degli Enti Locali, in cui, facendo riferimento alla delimitazione dei poteri del Sindaco con quanto previsto dall’art. 107, si precisa una distinzione tra i poteri d’indirizzo e quelli di effettiva gestione.

Questo comunque non esclude che il Sindaco sia chiamato a svolgere un ruolo di controllo sull’operato dei suoi dirigenti.

Cassazione: la sentenza a carico del Sindaco

Nel caso specifico, quindi, i giudici di merito hanno sostenuto che fosse presente una posizione di garanzia in capo al Sindaco che, cosciente della pericolosità del territorio oggetto dell’incidente, non si era preventivamente attivato esercitando i rispettivi poteri di vigilanza e sostitutivi, per smantellare gli elementi pericolosi, avendo al contrario firmato la delibera che autorizzava l’utilizzo degli spazi in questione.

Il primo cittadino, si legge nella sentenza,  “era la persona più prossima al rischio e, quindi, tenuta alla sua gestione, non come mero spettatore, ma come soggetto attivo. In qualità di garante pertanto doveva attivarsi per controllare la sicurezza dei luoghi (illuminazione, sbarramenti, ecc.) e rilevare le zone pericolose in ragione della conformazione dei luoghi. La mancata analisi dei rischi e l’ignoranza degli stessi, costituisce una violazione delle regole di diligenza”.

Potrebbe interessarti anche il seguente manuale

La nuova disciplina del danno alla persona

La nuova disciplina del danno alla persona

Giovanni Battista Petti, 2010, Maggioli Editore

L'opera, con puntualità e dettaglio nell'analisi critica, esamina la svolta storica introdotta dalle Sezioni Unite con le sentenze gemelle, oppure conosciute come le sentenze di S. Martino, applicando una lettura sistematica integrata non solo dai principi Costituzionali ed Europei (recente è...




CONDIVIDI
Articolo precedenteM5S, euro, debito pubblico: quale scenario dopo il voto?
Articolo successivoGiudice Onorario: come cambia alla luce della Riforma della Giustizia

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here