classe energetica

E’ stata approvata dalla commissione per l’Industria, la Ricerca e l’Energia del Parlamento Europeo la bozza della Direttiva quadro sull’etichettatura energetica, che prevede una netta semplificazione delle classi energetiche.

Classificazione energetica: addio alle diciture A+, A++ e A+++

Si consiglia il seguente volume

La domotica per l 'efficienza energetica delle abitazioni

La domotica per l 'efficienza energetica delle abitazioni

Carlo Gustavo Quaranta, 2016, Maggioli Editore

La Domotica, nata per migliorare il comfort di vita nei nostri alloggi, può diventare uno strumento potente per ridurre in modo significativo i consumi di energia.Il volume, diviso in cinque parti, illustra l’evoluzione, i vantaggi, le prospettive e le applicazioni caratteristiche...



L’ipotesi, in sintesi, è quella di tornare alla vecchia classificazione A-G, cancellando le diciture A+, A++ e A+++, poco chiare e che possono trarre facilmente in inganno i consumatori.

Con particolare riguardo ad alcuni settori merceologici, infatti, si è assistito ad un sovrappopolamento delle classi alte che in pratica hanno vanificato la classificazione energetica.

In settori, invece, come il riscaldamento tale sovrappopolamento non risulta così evidente, da qui l’intervento del Parlamento a favore della necessità di tenere conto delle specificità dei singoli settori.

Cambi la normativa entro i prossimi 5 anni?

Circa l’introduzione della normativa, la commissione chiede che avvenga nei prossimi 5 anni, e che qualsiasi altra nuova classificazione abbia almeno una validità di 10 anni.

L’idea alla base è che, per ciascuna nuova revisione dell’etichettatura energetica, la classe A dovrà essere tenuta vuota, almeno inizialmente, al fine di poter accogliere i nuovi prodotti energeticamente migliorati e più efficienti.

L’etichetta energetica, inoltre, dovrà includere informazioni sul consumo in kW all’anno oppure su un altro periodo di tempo rilevante per il prodotto in questione. I venditori, infine, saranno obbligati a far riferimento alla classe energetica in ogni pubblicità.

Ora il testo attende di essere votato in sessione plenaria.


CONDIVIDI
Articolo precedenteLa crescita dell’Internet Advertising: nel 2016 in Italia vicino ai 2,4 miliardi di euro
Articolo successivoPensioni: parte la Riforma? Ecco cosa ci aspetta nei prossimi anni

1 COOMENTO

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here