Part-time pensione

E’ ufficiale: il nuovo intervento di flessibilità in uscita previsto dalla legge di Stabilità al comma 284, ossia la possibilità di accedere al part-time agevolato per la pensione per i lavoratori del settore privato a cui mancano al massimo 3 anni al raggiungimento del requisito di vecchiaia, sarà operativo dal 2 giugno prossimo.

PER APPROFONDIMENTI SI CONSIGLIA LO

SPECIALE SU RIFORMA PENSIONI 2016: TUTTE LE NOVITÀ

PART-TIME PER LA PENSIONE: CHI È ESCLUSO?


A stabilire le nuove disposizioni al riguardo, il DM Lavoro 7 aprile 2016 (Gazzetta Ufficiale del 18 maggio 2016).

A rimanere esclusi dall’intervento sono i dipendenti pubblici e i lavoratori prossimi al requisito per la pensione di anzianità, vale a dire i cosiddetti lavoratori precoci (CLICCA QUI PER LO SPECIALE SU PENSIONE DI VECCHIAIA.

Questi ultimi, quindi, ovvero coloro che alla data del 31 dicembre 2018 arrivano a maturare i requisiti per la pensione di anzianità (42 anni e 10 mesi di contributi per gli uomini e 41 anni e 10 mesi per le donne) non hanno diritto al part-time agevolato per la pensione.

PART-TIME PER LA PENSIONE: CHI SONO I DESTINATARI?

Hanno diritto allo strumento del part-time agevolato ai fini pensionistici soltanto i lavoratori dipendenti del settore privato, aventi contratto a tempo indeterminato a tempo pieno, che maturano entro la data del 31 dicembre 2018 il diritto alla pensione di vecchiaia (CLICCA QUI PER LO SPECIALE SU PENSIONE DI VECCHIAIA: COME ACCEDERVI).

Si tratta, in sostanza, di quei lavoratori che hanno almeno 20 anni di contributi, e che avranno 66 anni e 7 mesi (che calano a 65 anni e 7 mesi per le lavoratrici).

PART-TIME PER LA PENSIONE: IN COSA CONSISTE?

Questo intervento permette a tali lavoratori di poter optare per un part-time al 40-60%, con una busta paga più alta rispetto all’orario di lavoro ridotto, in quanto anche comprensiva di un importo esentasse che sarà pari ai contributi per l’orario che non più lavorato, e contributivi figurativi che vanno a coprire gli anni del part-time come fossero full-time.

Pertanto, ne consegue che nonostante la scelta dell’orario lavorativo ridotto, il lavoratore non arriva a subire nessun taglio sulla pensione finale.

Leggi anche Pensioni novità: quando andare in pensione? Le proposte e le penalizzazioni previste

PART-TIME PER LA PENSIONE: COME RICHIEDERLO E OTTENERLO?

Il lavoratore interessato che risponde ai requisiti richiesti, per poter accedere al beneficio, è tenuto a presentare all’INPS una domanda al fine di ottenere la certificazione sulla maturazione del requisito contributivo e anagrafico entro il 31 dicembre 2018.

Una volta ottenuta, il lavoratore ha la possibilità di stipulare con il proprio datore di lavoro il contratto di part-time per la pensione, la cui durata arriva fino al conseguimento del requisito pensionistico e che specifica la riduzione dell’orario lavorativo.

L’importo corrispondente ai contributi per la differenza di orario fra il tempo pieno e quello parziale, che il lavoratore percepisce in più in busta paga, non concorre alla formazione del reddito, pertanto risulta esentasse e non soggetta a contribuzione previdenziale.


CONDIVIDI
Articolo precedenteNuovo Codice Appalti: perchè è difficile rispettare le nuove regole? Criticità su Uffici tecnici, subappalto, affidamento diretto
Articolo successivoLegge 104: godere dei permessi anche se coincidono con le ferie? Ecco come

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here