Il decreto Milleproroghe è legge.

Con esso anche la sospensione per il 2016 della “tassa sui licenziamenti”, cioè il contributo Naspi richiesto all’imprenditore che subentra in un appalto e riassorbe i dipendenti dell’azienda uscente applicando, quindi, le clausole sociali.

L’Ancl – Associazione Nazionale Consulenti del Lavoro, ha sempre considerato questo specifico finanziamento della Naspi un esborso inutile dato che i lavoratori di fatto non restano disoccupati nemmeno un giorno, e come sindacato si era spesa per ottenerne, come successo, la sospensione anche per il 2016.

CLICCA QUI PER LO SPECIALE SU DECRETO MILLEPROROGHE: COSA CAMBIA NEL 2016?

Ecco il commento del presidente nazionale Ancl Francesco Longobardi:

“È una grande soddisfazione per l’Ancl, che ha saputo opporre nelle sedi opportune le proprie ragioni sostenute da rilievi tecnici e di opportunità. I consulenti del lavoro hanno saputo rendersi interpreti del forte dissenso di imprese e datori di lavoro, nel silenzio assordante delle loro associazioni di rappresentanza”.

“È l’ennesima dimostrazione del ruolo di raccordo dei consulenti del lavoro tra i settori produttivi ed il legislatore, – ha proseguito Longobardi – al quale va dato atto di aver immediatamente compreso la problematica, pur se la sospensione del contributo ha un peso economico rilevante. Lavoreremo adesso affinché l’abolizione di questa tassazione diventi strutturale e definitiva”.

RESTA AGGIORNATO SULL’ARGOMENTO CON IL SEGUENTE VOLUME:

Gli appalti pubblici

Gli appalti pubblici

Alessandro Massari, 2016, Maggioli Editore

Il volume offre l’analisi e un primo commento delle numerose ed importanti novità introdotte dalla Legge di Stabilità 2016 (L. 208/2015), dal D.L. 210/2015 (cd. Milleproroghe 2016) e dal Collegato Ambientale alla Legge di Stabilità sulla green economy 
(L....




CONDIVIDI
Articolo precedenteKia Optima Sportswagon e Niro, a Ginevra i coreani vogliono diventare “grandi”
Articolo successivoConcorso Scuola 2016: pubblicati i Bandi. Ecco il testo ufficiale

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here