La presa di posizione del presidente Boeri, più i vari interventi e appelli di Papa Francesco e anche l’intervista del magnate Marino Golinelli dove riconosce il dovere di chi ha guadagnato molto,a rendere alla comunità la quale ha contribuito a ottenere quel risultato, avevano acceso un filo di speranza che si fosse alla vigilia di un vero cambiamento in materia di previdenza.

VAI ALLO SPECIALE RIFORMA PENSIONI

È mancato il coraggio di mettere le mani nelle tasche piene dei privilegiati e I dei furbi, per travasare un po’ di denaro in quelle vuote.

I ritocchi e alchimie per rattoppare l’ esistente con le disponibilita insufficienti di sempre,sono un palliativo per mascherare l’immobilismo.

Temo che con questa manovra si sia bloccato ogni seria riforma per molti anni a venire.
Sono troppe le lobbi interessate a questa immobilità. Perfino le sindacali.rnm

© RIPRODUZIONE RISERVATA


SCRIVI UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento!
Inserisci il tuo nome