Abbiamo provato la nuova Fiat 500 con motore bicilindrico turbo e allestimento Lounge, vediamo comìè andata
La Fiat 500 si riconferma la citycar più alla moda e stilosa del mercato. Il motore bicilindrico TwinAir la rende parca nei consumi e agile nel traffico, il prezzo però è piuttosto salato

500

La Fiat 500 è un’auto che non ha bisogno di presentazioni: il suo stile e il suo design retrò l’hanno resa un’icona, e il milione e mezzo di vetture vendute in tutto il mondo ne sono la conferma.

La versione della nostra prova monta il bicilindrico 0.9 Twinair da 85 cavalli e 145 Nm di coppia ed è equipaggiata con l’allestimento Lounge.
Esteticamente la 500 non è cambiata molto, la sua linea azzeccata ha avuto un successo tale che sarebbe stato rischioso stravolgerla con questa nuova generazione. I ritocchi estetici sono pochi ma giusti: ora sfoggia nuovi gruppi ottici anteriori con firma a LED e una nuova calandra, ma le proporzioni e la sua inconfondibile silhouette rimangono le stesse. Con la vernice color Latte e Menta e i cerchi in lega da 16” della vettura che abbiamo in prova, poi, l’auto risulta ancora più trendy e attira parecchi sguardi.

 
Città 9 /10
“Il bicilindrico dispone di una generosa coppia ai medi regimi e fornisce una discreta spinta”

In città la Fiat 500 si muove bene: il bicilindrico dispone di una generosa coppia ai medi regimi e fornisce una discreta spinta. È un po’ ruvido come propulsore, e manca quell’elasticità ai bassi regimi tipica del motore a quattro cilindri, ma la scatto è buono e il suono vagamente retrò calza bene con la personalità dell’auto.
Anche l’acceleratore risulta un po’ insensibile, soprattutto in modalità “ECO” che, sebbene aiuti a ridurre di molto i consumi, rende la risposta davvero pigra e il motore sembra perdere una decina di cavalli. In città è molto meglio disinserire questa modalità e godersi la spinta del due cilindri turbo. La 500 scatta da 0 a 100 km/h in 11 secondi e raggiunge i 173 Km/h.
Le sue dimensioni, invece, la rendono facilmente parcheggiabile (misura 357 cm in lunghezza e 163 in larghezza) e agile nello svincolarsi nel traffico.

 
Fuori città 8 /10
“In curva si lancia con entusiasmo, con un muso che risponde rapido e un posteriore che non esita a seguirlo”

La Fiat 500 è unica nel suo segmento e, nonostante non sia un telaio propenso per la guida sportiva (il baricentro è alto e il rapporto passo-carreggiata non è il massimo), risulta una macchinina divertente da guidare tra le curve. La seduta alta non è cambiata di una virgola, e per chi è alto più di un metro e ottanta è difficile trovare una posizione normale, soprattutto contando che il sedile non si può regolare in altezza ma può solo “sprofondare”. Ma una volta fatta l’abitudine alla seduta da go-kart rialzato, non è poi così male. Lo sterzo non è particolarmente diretto, ma è progressivo e privo di punti morti, mentre il cambio posizionato vicino al volante è molto apprezzato nella guida vivace.

In curva si lancia con entusiasmo, con un muso che risponde rapido e un posteriore che non esita a seguirlo. A metà curva sembra che l’auto giri attorno a un perno, e la vettura parte in sovrasterzo solo se provocata (al contrario della versione Abarth), dove entra subito in azione l’ESP non disinseribile.

Gli ammortizzatori rendono la guida confortevole, anche se coi cerchi optional da 16” della vettura in prova le buche si sentono di più, meglio optare per i 15 pollici, già disponibili di serie sulla versione Lounge.

 
Autostrada 6 /10

L’autostrada non è il pane quotidiano delle citycar, e anche la Fiat 500 non sfugge a questa logica. Tuttavia, rispetto al modello precedente l’insonorizzazione è stata migliorata, ma mancano cruise control e una sesta marcia per rendere i viaggi più piacevoli. Il bicilindrico, poi, è piuttosto rumoroso e i fruscii si fanno sentire ben prima dei 130 orari.

 
Vita a bordo 8 /10

Gl interni delle nuova Fiat 500 si presentano sempre curatissimi, con un mix di stile moderno e vintage davvero ben riuscito e plastiche dure di pregevole fattura. Anche i sedili in pelle beige con il logo 500 sono belli da vedere e morbidi alle seduta, a patto che non siate troppo alti.
Fa la sua apparizione lo schermo touch da 5 pollici che include navigatore e sistema Uconnect che permette di utilizzare diverse applicazioni del vostro smartphone.

Lo spazio posteriore è sufficiente per un paio di bambini e per un viaggio breve, ma non è consigliabile per andarci in vacanza, mentre il bagagliaio di 185 litri non è uno dei migliori del segmento, ma è comunque al livello di tante concorrenti come Smart Forfour (185 l) e Peugeot 108 (180 l).

 
Prezzo e costi 7 /10
“Il bicilindrico turbo se usato a dovere consuma davvero poco”

16.400 Euro non sono proprio pochi, ma la 500 non è solo un mezzo di trasporto, piuttosto un oggetto di design e di stile, e per questo si fa pagare. La qualità in ogni caso è da vettura premium, e il bicilindrico turbo se usato a dovere consuma davvero poco. Non siamo riusciti a raggiungere i 3,8 litri per cento chilometri dichiarati dalla Casa, ma ci siamo comunque andati vicini.

 
Sicurezza 8 /10

La Fiat 500 risulta stabile e sicura nel suo comportamento, grazie anche a dei controlli elettronici vigili. La frenata è potente, mentre in dotazione dispone dei canonici airbag anteriori, quelli all’altezza delle ginocchia e quelli laterali.

 
I nostri rilevamenti
  • TECNICA
  • Motore Bicilindrico turbo, benzina
  • Cilindrata 875 cc
  • Potenza 85 CV
  • Coppia 145 Nm
  • Omologazione Euro 6
  • Cambio Manuale 6 rapporti
  • Peso 975 Kg
  • DIMESNIONI E CAPACITA’
  • Lunghezza 357 cm
  • Larghezza 163 cm
  • Altezza 149 cm
  • Bagagliaio 185 l
  • Serbatoio 35 L
  • PRESTAZIONI
  • 0-100 Km/h 11 secondi
  • Velocità massima 175 Km/h
  • Consumo 3,8 L/100 Km
  • PREZZO
  • Prezzo 16.400 Euro
    di Francesco Neri per panorama-auto.it

CONDIVIDI
Articolo precedenteLegge di Stabilità 2016: “liberalizzati” acquisti pubblici. Quando?
Articolo successivoConcorso Pubblico OSS: tutto sul Bando per 64 posti a tempo indeterminato

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here