Con il via libera al Ddl di Stabilità 2016, sono diverse le norme introdotte che modificano il Codice della strada.

VAI ALLO SPECIALE SU LEGGE DI STABILITA’ 2016

NOVITA’ PER LA SOSTA A PAGAMENTO

Dal 1° luglio 2016 tutti i dispositivi di controllo della durata della sosta a pagamento potranno essere attivati anche mediante bancomat. L’obiettivo è quello di incentivare i pagamenti elettronici, agevolando i cittadini che in tal modo avranno modo di pagare la sosta in maniera più rapida e facile, senza per forza far ricorso a monete di “piccolo taglio”. Qualora entro il termine prefissato, come detto il prossimo 1° luglio, il Comune non sarà adeguatamente attrezzato con strumentazioni compatibili  ai nuovi canali di pagamento, gli automobilisti saranno automaticamente autorizzati a parcheggiare gratuitamente, senza il rischio di incorrere in sanzioni.

NOVITA’ PER AUTOVELOX E TUTOR

Le novità sul fronte del Codice della strada, però, non si esauriscono qui. Tre le modifiche approvate con la legge di Stabilità per il 2016 anche gli autovelox e i tutor, da sempre utilizzati per le sole contravvenzioni per eccesso di velocità, avranno anche altre funzioni.

In particolare, autovelox e tutor verranno utilizzati anche per controllare che gli obblighi assicurativi, vale a dire se si è in regola o meno con il pagamento della polizza Rc auto, saranno rispettati. Grazie, infatti, al passaggio al sistema telematico della banca dati ministeriale delle assicurazioni, tutti i dati delle polizze potranno essere direttamente consultati online, senza dover ricorrere al controllo dell’esposizione del tagliando sul parabrezza, non più obbligatoria.

Gli autovelox, così come i tutor e le telecamere delle porte di accesso alle zone a traffico limitato (Ztl), serviranno inoltre a verificare se l’automobilista ha effettuato per la propria vettura la revisione periodica, oltre a verificare il trasporto irregolare di materiali. Affinché la misura possa ufficialmente entrare in vigore, tuttavia, bisognerà attendere l’emanazione del decreto ministeriale attuativo e la correlata omologazione delle strumentazioni.

NOVITA’ PER IMMATRICOLAZIONI AUTO ALL’ESTERO

Con la nuova manovra di Stabilità cambia, infine, anche la reimmatricolazione delle auto all’estero con l’intento di contrastare tutte quelle immatricolazioni di auto nazionali che vengono effettuate all’estero al solo per evitare di pagare bollo ed eventuali multe. Con quest’ultima modifica, infatti, il soggetto interessato all’esportazione per la consecutiva reimmatricolazione del veicolo all’estero sarà tenuto ad una maggiore trasparenza dei passaggi dell’intero procedimento, dovendo necessariamente presentare al Pra anche la copia della documentazione doganale di esportazione “ovvero, nel caso di cessione intracomunitaria, della documentazione comprovante la radiazione dal Pra”.

CONSULTA IL TESTO DEL DDL DI STABILITA’ APPROVATO DALLA COMMISSIONE BILANCIO

CLICCA QUI PER AVERE TUTTI GLI APPROFONDIMENTI SUL DDL DI STABILITA’ 2016 


CONDIVIDI
Articolo precedenteVerifica della regolarità delle imprese, ora funziona
Articolo successivoLegge di Stabilità: attesa l’approvazione in giornata

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here