Se esistesse un premio per l’auto piccola più sottovalutata in commercio la Skoda Fabia lo vincerebbe a mani basse: la “segmento B” ceca monta infatti gli stessi motori della più cara, più blasonata e più venduta Volkswagen Polo, ha un pianale simile (addirittura più evoluto) e ha un bagagliaio più grande.

Nella nostra prova su strada abbiamo avuto modo di testare la versione 1.0 75 CV: scopriamo insieme i suoi pregi e difetti.

 
Città 6 /10
…il propulsore tre cilindri a benzina è abbastanza elastico

Il comportamento in città della Skoda Fabia 1.0 75 CV oggetto della nostra prova su strada è penalizzato da prestazioni non molto vivaci (l’unico vero punto debole, a nostro avviso, della piccola di Mladá Boleslav) che non aiutano nello spunto. In compenso il propulsore tre cilindri a benzina è abbastanza elastico: la spinta arriva già sotto i 3.000 giri.


Le sospensioni se la cavano egregiamente sul pavé (anche se sulle sconnessioni più profonde la risposta degli ammortizzatori posteriori è secca) mentre nei parcheggi si può sfruttare la lunghezza contenuta (3,99 metri). Consigliamo comunque i sensori posteriori (270 euro), considerando l’assenza di protezioni per la carrozzeria e la presenza di un lunotto che potrebbe essere più ampio.

 
Fuori città 8 /10

Su strada la Skoda Fabia è più piacevole da guidare della “cugina” Volkswagen Polo: merito di un pianale leggermente più evoluto (comprende alcuni elementi provenienti addirittura dalla piattaforma MQB usata dalla Golf e dalle sorelle maggiori Octavia e Superb) e dell’interessante differenziale XDS a bloccaggio elettronico trasversale che migliora la trazione nelle curve prese a velocità sostenuta e riduce allo stesso tempo la tendenza ad allargare la traiettoria.

A questo si aggiunge un cambio a cinque marce con una leva maneggevole e rapporti lunghi studiati per ridurre i consumi, uno sterzo sensibile al punto giusto e un motore elastico ma – come abbiamo già scritto in precedenza – poco grintoso.

 
Autostrada 9 /10

In autostrada la Skoda Fabia si comporta esattamente come la Volkswagen Polo: molto bene. Morbida sulle superfici lisce, ospita sotto il cofano un propulsore abbastanza silenzioso (per essere un tre cilindri, sia chiaro) e ha un abitacolo ben insonorizzato.

La sensazione di sicurezza a bordo è elevata (freni potenti e grande stabilità nei curvoni veloci) e l’autonomia è molto interessante: la Casa dichiara 937 km e senza particolari problemi si riescono a percorrere più di 700 km.

 
Vita a bordo 8 /10
…un bagagliaio gigantesco

La Skoda Fabia è una delle poche piccole utilizzabili senza problemi come unica auto anche da una coppia con un figlio: ha un bagagliaio gigantesco (330 litri che diventano 1.150 in configurazione a due posti) ma quando si abbatte il divano si crea un fastidioso scalino. L’abitabilità è invece nella media del segmento: il voluminoso tunnel toglie spazio alle gambe del passeggero posteriore centrale.

Per quanto riguarda le finiture non possiamo fare a meno di notare che la vecchia generazione presentava una plancia realizzata con materiali migliori ma dobbiamo anche ammettere che la qualità degli assemblaggi rasenta invece la perfezione. Tra le tante soluzioni pratiche presenti a bordo segnaliamo un piccolo cestino per i rifiuti integrato nella portiera, i due vani portaoggetti posizionati sotto i sedili anteriori e l’utile raschietto per il ghiaccio situato nello sportellino del serbatoio.

 
Prezzo e costi 7 /10

La Skoda Fabia 1.0 75 CV Ambition della nostra prova su strada ha un prezzo interessante – 14.330 euro – e una dotazione di serie nella media della categoria: autoradio touchscreen MP3 SD USB, climatizzatore manuale e fendinebbia. A questo si aggiungono consumi da record: i 20,8 km/l dichiarati dal marchio ceco sono impossibili da raggiungere ma stare sopra quota 15 non è difficile.

La garanzia è di soli due anni a chilometraggio illimitato (il minimo di legge) e la tenuta del valore è più bassa di quella di una Polo a causa del maggior blasone del brand Volkswagen.

 
Sicurezza 8 /10

La Skoda Fabia 1.0 75 CV è una piccola moderna e sicura: ha ottenuto cinque stelle nei crash test Euro NCAP e ha una dotazione molto ricca che comprende, tra le altre cose, gli airbag frontali, laterali e a tendina, gli attacchi Isofix, i controlli di stabilità e trazione, il monitoraggio pressione pneumatici e il Front Assistant. Quest’ultimo dispositivo, attraverso un radar posto sul paraurti anteriore, avverte il conducente di un imminente rischio di collisione tramite segnalazione acustica e visiva e in assenza di reazioni del guidatore cerca di minimizzare l’impatto frenando.

Da non sottovalutare – inoltre – i freni potenti, la stabilità impeccabile, l’ottima visibilità in marcia e un comportamento stradale tanto agile e divertente quanto rassicurante.

 
Scheda tecnica
  • Tecnica
     
  • Motore benzina
     
  • Cilindrata 999 cc
     
  • Potenza max/giri
    55 kW (75 CV) a 6.200 giri
     
  • Coppia max/giri 95 Nm a 3.000 giri
     
  • Omologazione Euro 6
     
  • Cambio/trazione  manuale a 5 marce/anteriore
  • Capacità
     
  • Bagagliaio 330/1.150 litri
     
  • Serbatoio 45 litri
  • Prestazioni e consumi
     
  • Velocità max 172 km/h
     
  • Acc. 0-100 km/h 14,7 secondi
     
  • Consumo urb./extra/misto 17,2/23,8/20,8 km/l
     
  • Autonomia 937 km
     
  • Emissioni CO2 108 g/km
  • Costi d’utilizzo
     
  • Prezzo 14.330 euro
     
  • Bollo 141,90 euro
Accessori
  •  
  • Airbag a tendina di serie
     
  • Autoradio di serie
     
  • Cerchi in lega da 15″ 455 euro
     
  • Climatizzatore manuale di serie
     
  • Cruise control 150 euro
     
  • Fendinebbia di serie
     
  • Luci diurne a LED 230 euro
     
  • Navigatore satellitare 940 euro
     
  • Sensori di parcheggio post. 270 euro
     
  • Vernice metallizzata 440 euro
    da: http://www.panorama-auto.it

CONDIVIDI
Articolo precedenteFord Mustang GT prova su strada di auto.it
Articolo successivoNissan, batterie al litio emissioni zero

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here