Dopo la separazione o il divorzio, se uno dei due coniugi si risposa o instaura una nuova convivenza con un altro partner, quando l’assegno di mantenimento può essere negato?

VAI ALLO SPECIALE ASSEGNO DI MANTENIMENTO

Seguendo l’orientamento tracciato dalla Corte di Cassazione, la risposta viene a dipendere da chi dei due coniugi intraprende la successiva relazione.


Da un lato, infatti, se a sposare o a convivere con il nuovo partner è il soggetto che beneficia dell’assegno di mantenimento, il diritto a quest’ultimo decade. Il coniuge che ha avviato la nuova relazione, infatti, sia in caso di nozze successive che di semplice convivenza, purché stabile e duratura con altra persona, automaticamente non ha più diritto a pesare economicamente sul coniuge precedente.

Dall’altro lato, invece, qualora la subentrata convivenza o le seconde nozze dovessero riguardare il coniuge obbligato a versare l’assegno di mantenimento, viene rimesso al giudice il compito di calcolare nuovamente la misura dell’importo, considerando i cambiamenti subiti nella condiziona economica del coniuge coinvolto che, nella maggior parte dei casi, saranno ridotte per via delle mutate condizioni familiari e per l’obbligo di mantenimento anche nei confronti della nuova famiglia.

Fin qui, tutto sembra chiaro, in realtà, però, non sempre è così facile ottenere la riduzione (o ancor più la totale cancellazione) dell’assegno di mantenimento, dovendo passare sotto il vaglio del giudice.

La Suprema Corte è intervenuta sottolineando quelli che sono considerati i parametri da utilizzare per determinare l’ammontare dell’assegno di mantenimento (in caso di separazione) o quello divorzile (se si parla di divorzio).

Nello specifico, tali parametri sono:

1) pregresso tenore di vita della famiglia;

2) condizioni economiche e patrimoniali dei due coniugi (l’assegno, infatti risponde allo scopo di cancellare gli squilibri tra i due redditi);

3) potenzialità reddituali attuali di entrambe i coniugi: in tal caso si deve valutare sia se il coniuge obbligato al versamento è soggetto a nuove spese (ad esempio l’affitto), sia se il coniuge beneficiario è ancora ritenuto abile al lavoro e dunque capace di procurarsi un proprio reddito;

4) durata del matrimonio;

5) oneri di contribuzione al mantenimento della nuova famiglia da parte del soggetto obbligato al mantenimento.

Esecuzione  dei provvedimenti  del giudice  nel diritto di famiglia

Esecuzione dei provvedimenti del giudice nel diritto di famiglia

Giacomo Oberto - Giuseppe Cassano, 2015, Maggioli Editore

Il volume, aggiornato alla recente giurisprudenza, vuole essere uno strumento di ausilio per trovare le soluzioni alle problematiche che scaturiscono dalla mancata esecuzione dei provvedimenti del giudice nell’ambito della separazione e divorzio. Il contenuto è stato strutturato in...




CONDIVIDI
Articolo precedenteEquitalia, bollo auto: come evitare cartelle di pagamento non dovute?
Articolo successivoLa scorciatoia giudiziaria nella P.A. è sintomo di patologia

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here