Non è solo la nuova ZX-10R a fare bella mostra di sé allo stand Kawasaki a Eicma. Certo, la supersportiva derivata dalla Superbike, già presentata un mesetto fa, è il pezzo forte. Ma non c’è solo questo nella futuristica proposta del costruttore giapponese.

La concept SC-02 Soul Charger

La concept SC-02 Soul Charger

concept — Anche se è solo uno sketch, la SC-02 Soul Charger rappresenta il futuro del motore sovralimentato secondo Kawasaki, che l’ha fatto debuttare lo scorso anno sulla monster bike H2R. Questa naked di media cubatura è l’esempio di come il turbo ben si concili anche con mezzi da tutti i giorni, e non solo con le supersportive.
Lo scooter J125

Lo scooter J125

j125 — Dall’alto al basso, la novità più sfiziosa di Kawasaki è il J125, fratello minore dello scooterone J300. Spinto da un monocilindrico 4T raffreddato a liquido, il J125 spicca nel mercato degli scooter 125 cmc per il design elegante e la dotazione di fascia alta. Le prestazioni di motore e telaio (ruota anteriore da 14”, posteriore da 13”) sono progettate per le strade europee e sono integrate da un livello elevato di comfort. Inoltre, le funzioni all’insegna del comfort, come lo scomparto sottosella illuminato capace di contenere un casco integrale e una valigetta A4, oltre alla presa di corrente continua nel portaoggetti, provengono direttamente dal J300, assicurando al pacchetto J125 tutto ciò che i conducenti si aspettano da un mezzo di fascia alta pensato per la città.
 
La Z1000 Sugomi
a tutto sport — La Z800 e la Z1000 si arricchiscono con due nuove versioni denominate “Sugomi” dal taglio più sportivo, con una colorazione nero-bordeaux e scarichi Akrapovic di serie. Per gli appassionati delle moto maxi, arriva la versione più aggressiva della ZZR1400, chiamata Performance Sport, che andrà ad affiancarci al modello base. Dotata di silenziatori Akrapovic gemelli di serie, la moto dispone anche di un ammortizzatore posteriore Ohlins TTX, parabrezza maggiorato e un pacchetto frenante Brembo composto da pinze monoblocco M50, tubi in maglia d’acciaio e pompa radiale all’anteriore.


CONDIVIDI
Articolo precedenteStabilità 2016: perchè la Commissione Europea dice sì a metà
Articolo successivoVuoi diventare un Data Scientist? Ecco come fare

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here