Dalle parti di Dubai, si sa, i soldi non mancano di certo. E quindi da loro la nuova Giulia Quadrifoglio non è una macchina “da guardare e non toccare” in attesa che arrivino le più abbordabili diesel o benzina, ma il modello da comprare. Ecco quindi svelato il segreto del grande successo della Giulia Quadrifoglio al “Dubai International Motor Show 2015” dove la macchina è stata esposta, un debutto assoluto in un salone del Medioriente e dell’Africa. Fra l’altro da queste parti sono tutti molto sensibili al fascino Ferrari e non va dimenticato che la Giulia ha il famoso 6 cilindri a “V” turbo benzina 2.9 litri da 510 CV, “ispirato da tecnologie e competenze tecniche Ferrari”, come dicono all’Alfa…

In ogni caso parliamo di un missile con una velocità massima di 307 km/h, che accelera da 0 a 100 km/h in appena 3,9 secondi e ha una coppia massima di 600 Nm. I tanti clienti Lamborghini, Pagani e Ferrari che ci sono da queste parti sono già in fila.

Già che c’erano all’Alfa hanno portato qui anche le 4C, nelle versioni Coupé e Spider, e una strana showcar 4C Coupè frutto della collaborazione tra il marchio Alfa Romeo e Garage Italia Customs. La società di Lapo Elkann realizza progetti “su misura” valorizzando la personalità unica di ogni tipo di cliente.


La livrea esterna della nostra 4C – spiegano a Garage Italia Customs – è caratterizzata da una vernice effetto gradient perlato opaco che passa dal nero del tetto base fibra di carbonio al rosso “Accursio” nella parte inferiore. Anche la cover motore presenta la stessa sfumatura donando così un sensazione di completezza grazie al lunotto trasparente che ne lascia intravedere il colore e la meccanica.  Inoltre, conferisce ulteriore esclusività alla vettura l’ampio utilizzo di Alcantara, nelle tonalità del rosso e del nero, su sedili, pannelli porta, imperiale e plancia, con una particolare sfumatura sui montanti parabrezza“. da: repubblica.it


CONDIVIDI
Articolo precedenteDivorzio: come si calcola l’assegno di mantenimento e quando si esclude
Articolo successivoBerline e wagon, il sogno delle flotte: il classico non tramonta mai

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here