Quanto pubblicato sul sito: www.ansa.it Un nuovo Motor Show a partire dal 2016. Ad annunciarlo, in una nota, è BolognaFiere che ha rilevato la kermesse nel maggio 2015. Per la nuova rassegna è stato stretto un accordo con Autopromotec e Aci Sport. Fca Italy ha deciso di supportare il progetto con la sua partecipazione.

Per organizzare al meglio il nuovo evento, BolognaFiere e i suoi partner hanno deciso di realizzarlo a partire dal 2016. La ‘festa’ dei motori manterrà lo stesso calendario del passato, dal 3 all’11 dicembre. (ANSA).

La storica manifestazione motoristica emiliana è stato rilevata, lo scorso maggio, da Bologna Fiere che, spiega la stessa società nella nota, “si assume l’impegno nella ‘capitale’ della regione della Motorvalley, di mettere di nuovo a disposizione in Italia un appuntamento utile al mondo e al mercato dell’auto e dell’automotive”.


Per questo, viene osservato, “è un dovere nei confronti del pubblico che da 40 anni segue il Motorshow, aggiornarlo e rilanciarlo come l’evento che valorizza tutta la filiera dell’industria automotive e del Motorsport in Italia”. E per il nuovo “progetto pluriennale Bologna Fiere ha stretto un accordo di partnership con Autopromotec e con Aci Sport e può contare sul supporto della filiera dell’automotive e delle associazioni di categoria”.

L’azienda, viene puntualizzato ancora, “ha incontrato tutti i protagonisti, associazioni e case del mondo dell’auto. Fca Italy ha deciso di supportare il progetto con la sua partecipazione e ci sono stati riscontri positivi dai costruttori automobilistici, dai componentisti e delle associazioni incontrate”. In modo da “organizzare al meglio il nuovo evento, Bologna Fiere e i partner hanno deciso di realizzarlo a partire dal 2016, l’anno di riconoscimento della manifestazione nel calendario internazionale Oica” e manterrà “lo stesso calendario, dal 3 all’11 dicembre”.

La nuova kermesse dei motori, viene annunciato “promuoverà la conoscenza delle vetture, delle novità tecnologiche, presenterà tutte le nuove soluzioni anche di componenti e accessori per l’auto connessa ai sistemi della mobilità intelligente e sostenibile, confrontandosi con le istituzioni e i bisogni dei consumatori e – conclude la nota – darà la possibilità di verificare sia attraverso i test drive che attraverso il racing, la potenzialità di brand, modelli e piloti”.


CONDIVIDI
Articolo precedenteFord, un mese da record in Nord America
Articolo successivoAlfa Romeo ritarderà il lancio della Giulia e del SUV?

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here