I pensionati vedranno ridursi il prelievo fiscale. La no tax area, così come stabilito dal disegno di legge di Stabilità (clicca qui per consultare il testo della Legge di Stabilità 2016), per i pensionati over 75 crescerà infatti dagli attuali 7.750 euro a 8mila euro, raggiungendo quella che è in vigore per i lavoratori dipendenti. I pensionati con meno di 75 anni, invece, passeranno dagli attuali 7.500 euro a 7.750.

Per l’uniformazione delle detrazioni sui redditi da pensione a quelli da lavoro dipendente bisognerà, tuttavia, attendere il 2017 in quanto tale allineamento entrerà in vigore dal 1° gennaio 2017, a meno che l’Unione Europea non decida di accogliere margini di flessibilità più ampi, consentendo così di anticipare di un anno l’avviamento della misura.

LEGGI ANCHE:  Pensioni novità: tutto quello che contiene la legge di Stabilità 2016


“L’equiparazione della no tax area per i pensionati a quella dei lavoratori sarebbe da accogliere con favore, ma la sua operatività a partire dal 2017 ne depotenzia la portata”, è il commento di Carmelo Barbagallo della Uil. I sindacati, nonostante l’accoglienza positiva della manovra, sottolineano l’esigenza di “accompagnare questo provvedimento a una vera riduzione della pressione fiscale sulle pensioni che, nel nostro Paese, resta il doppio della media OCSE. In questo senso, sarebbe stato utile estendere anche ai pensionati il bonus degli 80 euro”, conclude Barbagallo.

LEGGI ANCHE: Stabilità, pensioni: 7° salvaguardia esodati, quali esclusi?

Ma che cosa cambia dal 2017 per i pensionati con meno di 75 anni? La misura introdotta dall’Esecutivo stabilisce che per questa categoria, la detrazione annua sarà di:

  1. 1.783 euro quando il reddito totale non è superiore ai 7.750 euro. La detrazione che spetta non deve comunque essere al di sotto della soglia minima di 690 euro, soglia che compete indipendentemente da quanto emerge dal calcolo di ragguaglio al periodo di spettanza nell’anno;
  2. 1.255 euro, somma accresciuta del prodotto fra 528 euro e l’importo che corrisponde al rapporto fra 15mila euro (diminuito del reddito totale) e 7.250 euro, nel caso in cui l’ammontare del reddito globale supera i 7.750 euro ma non i 15mila;
  3. 1.255 euro quando il reddito totale supera i 15mila euro rimanendo comunque al di sotto dei 55mila. Qui, la detrazione compete per la parte che coincide con il rapporto tra l’importo di 55mila euro (diminuito del reddito totale) e quello di 40mila euro.

Cosa cambia invece per la categoria che comprende i pensionati che superano i 75 anni di età? Per chi ha 75 anni o più, la detrazione attuabile risulterà pari a:

  1. 1.880 euro quando il reddito totale non è superiore a  8mila euro. In tal caso, a differenza dei ‘colleghi’ con meno di 75 anni, la detrazione che spetta non può mai essere più bassa della soglia minima che è pari a 713 euro, indipendentemente dal calcolo di ragguaglio al periodo di spettanza nell’anno;
  2. 1.297 euro, somma accresciuta del prodotto fra 583 euro e l’importo che corrisponde al rapporto fra 15mila euro (ridotto del reddito complessivo) e 7mila euro, nel caso in cui l’ammontare del reddito globale supera gli 8mila euro ma non i 15mila;
  3. 1.297 euro quando il reddito totale è al di sopra di 15mila euro ma al di sotto di 55mila. Qui, la detrazione compete per la porzione che coincide con il rapporto tra l’importo di 55mila euro (diminuito del reddito totale) e quello di 40mila euro.

CONDIVIDI
Articolo precedente730 precompilato: ecco la lettera che riceverai dalle Entrate, cosa fare?
Articolo successivoAgenzia delle Entrate, invito bonario: destinatari, compilazione e sanzioni

1 COOMENTO

  1. perche non si tolgono loro 1.000 € al mese questi signori che guadagnano 10.000 € al mese e vanno a rovinare quei pensionati che non riescono ad andare aventi , signori e’ uno schifo bello e buono la politica in Italia grazie

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here