Dal 1° Ottobre è in vigore l’Ape unico, lo strumento di controllo che indica i livelli di prestazione energetica degli edifici. Si tratta di tre decreti importanti: nel primo decreto sono state definite le modalità di calcolo della prestazione energetica ma anche i requisiti minimi di efficienza sia per gli immobili in ristrutturazioni sia per le nuove costruzioni; il secondo decreto adegua il nuovo quadro normativo agli schemi di relazione tecnica; infine il terzo aggiorna le linee guida per la certificazione della prestazione energetica degli edifici (Clicca qui per approfondire).

Il nuovo APE prevede 10 classi energetiche,anziché 7, dalla A4 alla G, (la peggiore); prevede nuovi indicatori, infatti si parla di prestazione energetica invernale ed estiva dell’immobile al netto dal rendimento degli impianti presenti e di prestazioni derivanti da fonti di energia rinnovabili. Verrà inoltre creata una banca dati nazionale entro 90 giorni dall’entrata in vigore del decreto, istituita dal’ENEA (Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile).

Il prezzo di un APE può variare tra i 150 e i 300 euro. A dover richiedere il nuovo APE, nel caso di una nuova costruzione, è il proprietario ed è sempre a lui che spetta la certificazione di tale dato anche in caso di locazione o compravendita, o al massimo al condominio e ciò comporterebbe costi minori. Si legge infatti nell’articolo 6, comma 4, del Dlgs 192/2005 che «l’attestazione della prestazione energetica (…) riferita a più unità immobiliari può essere prodotta solo qualora esse abbiano la medesima destinazione d’uso, la medesima situazione al contorno, il medesimo orientamento e la medesima geometria e siano servite, qualora presente, dal medesimo impianto termico destinato alla climatizzazione invernale e, qualora presente, dal medesimo sistema di climatizzazione estiva».


Sono previsti controlli che attestino la legittimità delle attestazioni rilasciate dai progettisti, ma anche sanzioni per coloro i quali non rispetteranno, per le nuove costruzioni o ristrutturazioni, le nuove norme in vigore dal 1° ottobre 2015. Il nuovo APE è quindi attivo e valido in tutta Italia e offre un metodo di calcolo finalmente omogeneo; le Regioni avranno due anni per adeguarsi.

Progettazione e certificazione energetica degli edifici

Progettazione e certificazione energetica degli edifici

Pansa G., Lupica Spagnolo S., 2015, Maggioli Editore

Cosa cambia dal 1° ottobre 2015 con i 3 decreti 26 giugno 2015 attuativi del d.lgs. 192/2005




CONDIVIDI
Articolo precedenteScuola, bonus 500 euro ai docenti: quali acquisti sono legittimi?
Articolo successivoCanone Rai: diventa una tassa in bolletta, come chiederne l’esenzione

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here