DA DOMENICA 18 OTTOBRE VIA L’ESPOSIZIONE DEL TAGLIANDO ASSICURATIVO DAL PARABREZZA  SI CHIAMA “DEMATERIALIZZAZIONE” MA …

di Luigi Altamura  Comandante Polizia Municipale di Verona

 

 
 In questo breve articolo, vorrei portare alcune riflessioni a beneficio degli operatori degli organi di polizia stradale, sulle novità, soprattutto organizzative ed operative, che dovremo attuare, a seguito dell’introduzione della c.d. “dematerializzazione”.  Sparisce il contrassegno assicurativo, rimane l’obbligo della tenuta a bordo del veicolo del contratto, documento che gli organi di polizia stradale potranno analizzare, avendo già un dato “certificato” sulla copertura in loro possesso, preso dal data-base del Ministero delle Infrastrutture e Trasporti. Riflessioni che nascono dalla quotidianità, da episodi veri (e anche tristi) che ci vedono protagonisti e che potrebbero portare ad eventuali modifiche legislative del Codice della Strada da parte del Parlamento, se verranno introdotte – finalmente –  alcune norme, utili a contrastare i fenomeni che maggiormente preoccupano gli analisti in materia di sicurezza stradale e a sconfiggere soprattutto una delle principali cause della pirateria (spesso chi fugge è privo di assicurazione, anche da più anni).
Domenica 18 ottobre 2015 è una data che passerà alla storia, perché dopo esattamente 45 anni (Legge nr. 990/1979 e Regolamento di Attuazione D.P.R. nr. 973/1970) non sarà più obbligatorio per gli automobilisti esporre sul parabrezza il tagliando assicurativo che, pertanto, viene letteralmente eliminato.

> Leggi il testo integrale dell’articolo



 

DEMATERIALIZZAZIONE DEI TAGLIANDI.
PUBBLICHIAMO UN INTERESSANTISSIMO ARTICOLO (IN ESCLUSIVA PER L’ASAPS) DI LUIGI ALTAMURA, COMANDANTE DELLA POLIZIA MUNICIPALE DI VERONA, SUI VARI ASPETTI E PROBLEMI CHE DERIVERANNO DALLA DEMATERIALIZZAZIONE. SE IL SISTEMA COMMETTE UN ERRORE E VIENE SEQUESTRATO UN VEICOLO AI SENSI DEL 193, ANCHE AFFIDANDOLO AL CONDUCENTE, CHI PAGHERA’ POI LA RIMOZIONE SE INVECE IL MEZZO RISULTERA’ REGOLARMENTE ASSICURATO? QUANDO SARA’ APPROVATA LA MODIFICA DELL’ART. 201 DEL CDS CHE PERMETTERA’ L’ACCERTAMENTO E CONTESTAZIONE  A DISTANZA DELLA SCOPERTURA ASSICURATIVA? E QUANDO I DISPOSITIVI DI LETTURA TARGHE: ZTL, TUTOR TRANSITO ABUSIVO IN CORSIE RISERVATE ECC. INVIERANNO AL SISTEMA CONTEMPORANEAMENTE MIGLIAIA DI TARGHE, LA BANCA DATI DEL MIT REGGERA’? SARA’ IN GRADO DI RISPONDERE AGLI UFFICI DI POLIZIA IN TEMPI ADEGUATI? 
L’ARTICOLO DI ALTAMURA PONE MOLTI MOTIVI DI RIFLESSIONE. (ASAPS)


CONDIVIDI
Articolo precedenteQoros 5, il nuovo SUV compatto cinese
Articolo successivoPensioni, Stabilità: esodati e lavoratori precoci, nessuna soluzione?

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here