Lancia Ypsilon. Una lezione di stile e di eleganza che dura da trent’anni, durante i quali ha saputo conquistarsi – in tempi non sospetti, quando nessuno pensavache un’utilitaria potesse fare tendenza – la fama di fashion city car, particolarmente apprezzata dal pubblico femminile che nell’arco di quattro generazioni non le ha mai fatto mancare né la simpatia né la fedeltà, testimoniate dai 2,7 milioni di unità vendute in Europa e dal 70% di clientela femminile. In Italia, nel segmento di competenza, una donna su tre inserisce la Y nella proprio shopping list, e una su 4 la compra.

Una storia di successo che va ben al di là di una semplice moda, anche perché le mode non sono così longeve se dietro non ci sono idee, sostanza e creatività. Tutti requisiti che la “city limousine” ha dimostrato di avere ampiamente, con la capacità di assecondare costantemente l’evoluzione dei gusti del pubblico, anche attraverso le serie speciali – almeno una trentina – con cui la piccola Lancia ha saputo tenere vivo l’interesse nei suoi confronti. Cambiava il nome, da Y10 a Y, dalla Ypsilon all’attuale declinazione a 5 porte che ne ha ampliato il target potenziale.

Una gestione vincente, confermata da risultati che non lasciano adito a dubbi e da un fascino che il passare del tempo non sembra appannare. Come ha ricordato Antonella Bruno, responsabile del marchio nell’ambito di FCA Emea, nei primi otto mesi dell’anno, le quasi 40.000 Ypsilon consegnate ai clienti italiani equivalgono a un incremento del 16% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, e le fruttano il secondo gradino del podio nel segmento B con una quota del 13%.


Fedele alla tradizione, la Yspilon si aggiorna cambiando il look e sciorinando contenuti ricchi e raffinati, in linea con il suo Dna e con le sue giustificate ambizioni premium. Esteriormente, la nuova calandra e i gruppi ottici disegnano un volto sorridente e amichevole, mentre due colori inediti – pastello l’Avorio Chic e micalizzato il Blu di Blu – contribuiscono a evidenziare l’esclusività di un modello che si rinnova anche negli ambienti interni, il cui raffinato abbinamento tra materiali, lavorazioni ed effetti cromatici contribuisce a definire i livelli di allestimento pensati per altrettante tipologie di clientela.

La versione Silver, per esempio, esprime la personalità più giovanile e sportiva della Ypsilon, grazie a un abbigliamento che si potrebbe definire casual, con interni giocati sui toni del blu e grigio abbinati al nero. La Gold riscopre per i rivestimenti un materiale tendenzialmente estraneo al mondo dell’auto come il velluto, con riferimenti stilistici appartenenti al mondo maschile ma facilmente reinterpretabili in un’ottica femminile. La raffinata eleganza degli ambienti nero e nero-tortora dicono che l’allestimento Platinum si rivolge alla platea dei clienti più maturi ed esigenti.

Comuni a tutte le versioni sono i cambiamenti apportati alle grafiche della strumentazione, così come nuovo è il look del pomello del cambio e della consolle centrale, mentre i vani portaoggetti offrono 3 litri di spazio in più nell’abitacolo (che non sono pochi). Per esempio, sono stati aggiunti un inedito scomparto “segreto” in più nel cassetto porta oggetti e un utile vuota tasche accanto al volante, mentre i vani scavati nel tunnel centrale sono più profondi per accogliere meglio oggetti di uso quotidiano come gli smartphone.

Con l’ormai affermato e apprezzato sistema UConnect nella sua declinazione più evoluta la rinnovata Ypsilon è sempre connessa, e permette di mantenere i contatti sui più diffusi social network, di usufruire di milioni di brani musicali, di ricevere le ultime notizie ogni volta che lo riteniamo necessario, di trovare sempre la strada migliore grazie ai servizi di TomTom Live. Altre due funzionalità specifiche delle vetture del gruppo FCA aiutano a migliorare il proprio stile di guida (eco:Drive) e di provvedere con puntualità agli interventi di manutenzione (my:Car)

L’evoluzione della specie non ha coinvolto il powertrain, rappresentato da combinazioni moderne e collaudate, in grado di soddisfare le legittime aspettative della clientela di una piccola auto che trasuda classe e prestigio. Ci sono quindi due motori a benzina – 1.2 da 69 cv e bicilindrico 0,9 TwinAir Turbo da 85 cv con cambio robotizzato – e il turbodiesel 1.3 Multijet II da 95 cv con 95 g/km di CO2. Non mancano, ovviamente, le versioni Ecochic bi-fuel 1.2 a benzina/Gpl e TwinAir a benzina/metano da 80 cv, già predisposto per funzionare anche con il biometano, carburante che si può ricavare dai rifiuti.

Tra le tante sorprese che la nuova Ypsilon porta con sé ci sono una testimonial dal fascino e dall’eleganza coerenti con il Dna della piccola Lancia, e cioè l’attrice Kasia Smutniak, una piattaforma online denominata YOU (Ypsilon Owners United) e aperta a tutta la community dei possessori della vettura e un prezzo d’attacco davvero interessante: si parte da 9.550 euro per la versione Silver. da: ilmessaggero.it


CONDIVIDI
Articolo precedenteContenzioso tributario: tutte le novità del decreto pubblicato in GU
Articolo successivoPA digitale: scatta l’obbligo per la conservazione del registro di protocollo

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here