E’ arrivato a mezzanotte, per i docenti precari che hanno partecipato alla fase B del piano di assunzione straordinario previsto dalla “Buona scuola”, il responso del ministero dell’Istruzione. Il ministro dell’Istruzione Stefania Giannini, durante la conferenza stampa nella sede del dicastero di viale Trastevere, ha affermato: «Ad oggi abbiamo assunto 38mila insegnanti: 29mila ad agosto e 9mila hanno ricevuto la proposta di assunzione questa notte. Sono 10mila insegnanti in più rispetto all’anno scorso (+30%)». I posti in pailio erano 16mila, 9mila quelli riempiti, 38mila le persone assunte. 7mila docenti sono in mobilità da sud a nord di cui l’87,3% è donna e uno su due ha meno di 40 anni. «Il grosso dei trasferimenti sarà dalla Sicilia verso il Nord, soprattutto in Lombardia, e dalla Campania non solo verso il Settentrione ma anche nel Lazio, polo attrattivo Roma e dintorni» ha detto Giannini. Un secondo blocco di assunzioni, giuridicamente al via il primo settembre, ha spiegato il ministro, sarà fatto entro la prima metà di novembre: 55mila i posti di docenza per il potenziamento, circa 7 insegnanti in più per ogni scuola.

«Oltre alle assunzioni spenderemo anche 5 miliardi per l’edilizia scolastica» sono state le parole del sottosegretario all’Istruzione Davide Faraone. Ogni scuola, ha precisato Faraone, «avrà risorse in più da spendere, circa 25-30mila euro per ogni circolo didattico. Grazie alle risorse anche i contributi delle famiglie diventeranno veramente volontari». L’11 di settembre è il termine entro il quale i docenti scelti nella fase B avranno tempo per decidere se accettare o meno l’incarico. Chi è stato chiamato ad effettuare trasferimenti di regione, questione dolente sulla quale nei giorni scorsi si era accesa la polemica sfociata nell’accusa di “deportazione” dei docenti, ha dunque ancora qualche giorno di tempo per riflettere se accettare l’immissione in ruolo o rinunciare al proprio posto in graduatoria.

Per i docenti non rientrati nella fase B si attende ora la fase C, sollevando anche su questo argomento dubbi e discussioni. I casi non mancano: «Stanotte una collega di Taranto ha visualizzato il suo incarico di ruolo ad Ascoli Piceno, una distanza di 500 km. Il discorso della lontananza non è un problema ma vi dico solo che la collega ha 62 anni e insegnerà una materia che nell’arco della sua lunga carriera ha insegnato solo per due settimane», ha dichiarato Elena La Gioia, Presidente Cip NazionaleComitati Insegnanti Precari, a poche ore dal responso “notturno” per i docenti precari che hanno partecipato alla fase B del piano di assunzione straordinario. «Quindi a 62 anni, a un passo dalla pensione, – ha proseguito La Gioia – vai a prendere un ruolo altrove, vieni sradicato e vai a insegnare una materia che dovrai rimetterti a studiare […]È un caso emblematico ma vi assicuro che la gran parte dei precari che questa notte hanno saputo di avere il ruolo in un’altra realtà assomigliano  a questo caso».


CONDIVIDI
Articolo precedenteRaddoppio dei termini di accertamento: da oggi in vigore
Articolo successivoRallylegend Repubblica di San Marino dall’8 all’11 ottobre prossimi.

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here