Riforma pensioni 2015: inizia il conto alla rovescia. Anche se la politica è ancora in vacanza, parte ufficialmente oggi la rincorsa, che negli auspici di milioni di cittadini, e, pare, anche del governo, dovrebbe portare alla rivisitazione della legge Fornero.

Con il rientro dalle ferie, infatti, i ministeri riprendono in mano i dossier già avviati e, tra questi, quello sicuramente più atteso e da lungo tempo sotto esame, è certamente quello sul tema previdenziale.

Del resto, in tempi meno sospetti anche lo stesso presidente dell’Inps Tito Boeri, mesi fa, aveva auspicato una contro riforma della legge attualmente in vigore, che penalizza in maniera eccessiva le uscite dal lavoro, ingessando il mercato occupazionale e obbligando migliaia e migliaia di lavoratori a rimanere in servizio ormai in età avanzata e senza stimoli.


Ovviamente, però, il problema rimane sempre il solito: come conciliare una volontà politica che sembra ormai condivisa con i conti pubblici, sempre in emergenza?

Anche i ministri del Lavoro e dell’Economia – Giuliano Poletti e Pier Carlo Padoan – hanno manifestato profondo interesse nella riscrittura della legge previdenziale, pur avendo illustrato vie differenti, che riprendono grossomodo le proposte arrivate in Parlamento negli ultimi anni, nessuna delle quali è riuscita ad arrivare in aula per una votazione concreta.

L’ago della bilancia è sempre sospeso tra le modifiche ai requisiti di anzianità o contributivi entro cui poter richiedere la pensione, da una parte, e dall’altra la possibilità straordinaria di lasciare il lavoro in anticipo con una penalizzazione nell’assegno Inps, ipotesi, questa, gradita al presidente della commissione Lavoro di Montecitorio, anch’egli ex ministro, Cesare Damiano (Pd).

Nei propositi del ministro dell’Economia Padoan, invece, la riforma delle pensioni è il tassello più delicato della legge di stabilità 2016, alla quale il governo sta già lavorando da settimane sotto silenzio e su cui dovrà venire allo scoperto partendo dal mese di settembre, quando il rientro nei ranghi della politica sarà completo.

L’ipotesi più accreditata per arrivare nella finanziaria 2016 è proprio quella del regime di malus sull’assegno per chi decide di lasciare prima dei 66 anni, che si trasformeranno in bonus nei riguardi di quei lavoratori più infaticabili, che rimarranno a lavorare fino a 70 anni.

Ma c’è un’altra questione che occupa i pensieri dell’esecutivo ed è la promessa ormai urlata ai quattro venti dal premier Renzi sull’abolizione dell’Imu prima casa: un’operazione già quantificata in poco meno di 5 miliardi.

Ecco, allora, che tra le misure previdenziali e il nuovo taglio all’imposta immobiliare, Padoan è già costretto a fare i salti mortali per far quadrare il bilancio. In proposito, via XX Settembre avrebbe già pronta la carta da giocare con i severi giudici di Bruxelles: chiedere la deroga sul piano di contenimento del rapporto deficit/Pil dall’1,8% previsto per il 2016, al 2,2%. Quasi mezzo punto in più che, in euro, vale circa sette miliardi: un tesoretto tale da garantire le coperture al mancato gettito Imu e, insieme, avviare l’attesa riforma delle pensioni.

VAI ALLO SPECIALE RIFORMA PENSIONI


CONDIVIDI
Articolo precedenteSeparazione-Divorzio. La Cassazione dice “no” al diritto al mantenimento in caso di nuova famiglia
Articolo successivoCommercio elettronico nell’area UE: operazioni B2C e il regime IVA

4 COMMENTI

  1. Non mettete mano alle pensioni, sicuramente la riforma che farete sarà’ aggiuntiva è più penalizzante della
    riforma Fornnero.
    Ho 62 anni e ho fatto già la bocca ad andare a riposo a 67 e otto mesi col sistema misto (prima della Fornnero era tutto retributivo).

    Chiaro che con l eta’ non rendero’ più’ come prima e ciò sarà un brutto connubio per l Amministrazione pubblica sia per me.

    Potete però risparmiare tagliando i vostri vitalizzi

  2. Ritengo che ritornare alla vecchia riforma, forse non e’ il caso. Comunque credo che dare la facolta’ di andare in pensione con 40 anni di contributi sia la cosa piu’ giusta, magari portanto l’eta’ anagrafica minima a 62 anni . Ma a quanto pare il governo non ne vuole sentire. Grazie

  3. può andare bene il costo zero allo stato ,ma questa volta chi deve mettere i soldi sono i politici (MORANDO-RENZI- POLETTI -PADOAN ecc. e tutti i dirigenti pubblici ) almeno per il 50% dello loro stipendio ed emolumenti e il tutto deve essere documentato
    poi togliere le pensioni ai senatori ad honorem vita vedi MONTI-ed i presidenti tutti hanno già intascato anche troppo ………………………..Via i previlegi a tutti ……………..ladri

  4. Gentilissima direttrice , appassionato del suo quotidiano , vorrei gentilmente sapere dai suoi collaboratori esperti in pensione quanto segue :

    Appartengo alle forze di polizia, sono nato il 13.11.1962, arruolato il 27 Giugno 1980
    e quindi il 27 Giugno 2015 ho compiuto i 35 anni di servizio effettivo e riscattati i 5, quindi 40 anni contributivi .

    In data 27 Settembre 2016 acquisisco il diritto alla pensione con 40 + 3
    In data 27 Dicembre 2015 anni 41 + 6 mesi decorrenza pensione .

    Cosi’ facendo ho esaurito sia la legge Fornero che la Tremonti .

    Pertanto le chiedo se nella legge di stabilità 2015 ( che dovrebbe essere approvata entro il 31.12.2015 ) il governo potrebbe nuovamente cambiare i requisiti , dal momento in cui il diritto alla pensione lo acquisisco in data 27 Settembre 2015, potrebbero rimettere in discussione la mia pensione ?
    La ringrazio anticipatamente per la sua gradita risposta .

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here