Entra oggi in vigore la legge sulle misure cautelari personali, che riforma alcuni articoli del Codice di procedura penale, rendendo, di fatto, assai più arduo il ricorso al carcere preventivo.

Nello specifico, si tratta della legge 47 pubblicata nella Gazzetta Ufficiale dello scorso 16 aprile 2015, con l’intestazione: “Modifiche  al  codice  di  procedura  penale  in  materia  di  misure cautelari personali. Modifiche alla legge 26 luglio 1975, n. 354,  in materia di visita a persone affette  da  handicap  in  situazione  di gravità”.

Senza troppi orpelli, la custodia cautelare viene definita come una extrema ratio purché non si sia in presenza di accuse molto gravi come associazione sovversiva (art. 270 c.p.), associazione terroristica, anche internazionale (art. 270-bis c.p.) e associazione mafiosa (art. 416-bis c.p.).


In tutti i casi, comunque, i pericoli di fuga e reiterazione del reato andranno considerati come concreti e attuali. Dunque, le condizioni affinché possa venire accordata la misura preventiva diventano assai più strette, con evidenti modifiche alla gestione delle inchieste e le possibili ricadute sui processi. Ci sarà poi da fornire adeguate e approfondite giustificazioni in merito alla richiesta di applicazione della misura cautelare, pena la possibile bocciatura della stessa dal Tribunale della Libertà.

Alcune modifiche vengono apportate anche alle altre misure preventive di restrizione della libertà, come gli arresti domiciliari, che potranno essere prolungati per un massimo da 2 a 12 mesi.

VAI AL TESTO DELLA NUOVA LEGGE SULLE MISURE CAUTELARI

 

MISURE CAUTELARI AD PERSONAM IN UN TRIENNIO DI RIFORME

MISURE CAUTELARI AD PERSONAM IN UN TRIENNIO DI RIFORME

Alessandro Diddi, Rosa Maria Geraci, a cura di, 2015, Giappichelli

Principali argomenti trattati nel Volume: I. Scaglie legislative sull'apparato cautelare. – II. Interventi sulle misure custodiali. – III. Modifiche all'allontanamento dalla casa familiare. – IV. Tempi delle misure interdittive. – V. L'avvento della persona offesa nelle dinamiche...




CONDIVIDI
Articolo precedenteContributo Unificato in CGUE: soddisfazione per le conclusioni dell’Avvocato Generale
Articolo successivoSemplificare per innovare. Il disegno di legge di Riorganizzazione delle Pubbliche Amministrazioni

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here