Il Consiglio di Stato con sentenza n. 1973 del 2015 ha riconosciuto la spettanza per i Diplomati magistrali entro l’anno 2001 2002 ad essere ineriti nelle GAE . Una storica sentenza che permetterà quindi a migliaia di docenti l’inserimento nelle GAE fino ad oggi ingiustamente precluso. Una sentenza che non lascia dubbi in ordine alla ragionevolezza delle argomentazioni addotte dal Supremo organo di Giustizia Amministrativa soprattutto nella parte in cui il Consiglio di Stato afferma che ” non sembra, altresì, esservi dubbio alcuno che i diplomati magistrali con il titolo conseguito entro l’anno scolastico 2001/2002, al momento della trasformazione delle graduatorie da permanenti ad esaurimento, fossero già in possesso del titolo abilitante. Il fatto che tale abilitazione sia stata riconosciuta soltanto nel 2014, a seguito della pronuncia del Consiglio di Stato, non può impedire che tale riconoscimento abbia effetti ai fini dell’inserimento nelle citate graduatorie riservate ai docenti abilitati in quanto tali.

Conseguentemente, risulta valida la stessa presentazione delle citate domande di inserimento presentate nei termini che decorrono dalla effettiva conoscenza, da parte dei ricorrenti originari, della lesività dell’atto impugnato.

Risulta, altresì, fondata la pretesa allo stesso inserimento nella terza fascia delle medesime graduatorie, la stessa fascia in cui gli attuali appellanti avrebbero dovuto essere inseriti qualora il titolo abilitante fosse stato loro riconosciuto in precedenza dal Ministero il quale, anche dopo il riconoscimento, ha però singolarmente continuato a non riconoscerlo per l’iscrizione in tali graduatorie e lo ha riconosciuto soltanto ai fini dell’iscrizione nelle graduatorie d’istituto valide per il conferimento delle supplenze brevi e non per l’assunzione a tempo indeterminato.


In tal senso, i criteri fissati dal decreto ministeriale n. 235/2014, nella parte in cui hanno precluso ai docenti muniti del diploma magistrale conseguito entro l’anno scolastico 2001/2002, l’inserimento nelle graduatorie provinciali permanenti ora ad esaurimento, sono illegittimi e vanno annullati.”

Il Consiglio di Stato già con proprio parere del 5 giugno 2013 reso dalla II sezione aveva  riconosciuto valore abilitante al diploma magistrale nella parte in cui il parere affermava che “ Illegittimo è invece il D.M. n. 62 del 2011, nella parte in cui non parifica ai docenti abilitati coloro che abbiano conseguito entro l’anno 2001-2002 la c.d. abilitazione magistrale, inserendoli nella III fascia della graduatoria di istituto e non nella II fascia. Si tratta di un profilo appena accennato nel ricorso in oggetto, che tuttavia deve essere esaminato. La disposizione è affetta da evidente eccesso di potere, in quanto contrastante con tutte le disposizioni di legge e di rango secondario, che sanciscono la natura abilitante del titolo conseguito negli istituti magistrali a seguito di regolare corso di studio. In altri termini, prima dell’istituzione della laurea in Scienza della formazione, il titolo di studio attribuito dagli istituti magistrali al termine di corsi triennali e quinquennali sperimentali di scuola magistrale e dei corsi quadriennali e quinquennali sperimentali di istituto magistrale (per la scuola dell’infanzia) o al termine dei corsi quadriennali e quinquennali sperimentali dell’istituto magistrale (per la scuola primaria) dovevano considerarsi abilitanti, secondo l’art. 53 R.D. 6 maggio 1923, n. 1054, in combinato disposto con l’art. 197 d.l. 16 aprile 1994, n. 297.

Ciò è sancito inoltre dal D.M. 10 marzo 1997, dall’art. 15, co. 7, del d.P.R. 23 luglio 1998, n. 323, ed infine, recentemente, ai fini dell’ammissione al concorso a cattedre, dal d.d.g. n. 82 del 24 settembre 2012. Pertanto sotto questo profilo il ricorso deve essere accolto ed annullato il D.M. n. 62 del 2011, nella parte in cui esclude dalla II fascia delle graduatorie di circolo e di istituto gli aspiranti in possesso di maturità magistrale abilitante conseguita entro l’anno scolastico 2001-2002”.

La sentenza  può definirsi storica in quanto fino ad oggi i diplomati magistrali potevano quindi essere inseriti soltanto nelle graduatorie d’istituto per essere chiamati a supplenze brevi e non per ambire all’assunzione a tempo indeterminato.

La Giurisprudenza del Consiglio di Stato mostra di essere in linea di continuità con quella della Corte di Giustizia dell’Unione Europea per quanto concerne il “secolare” problema della precarietà. Sicuramente, infatti, la possibilità di essere inseriti nelle GAE costituisce un passo vincente alla lotta alla precarietà a sostegno invece della ora possibile assunzione a tempo indeterminato.

Ancora una volta saranno certamente innumerevoli i ricorsi in oggetto.


CONDIVIDI
Articolo precedenteNovità sulle agevolazioni ”prima casa” dalla circolare Ag. Entrate n. 17/E del 24 aprile 2015
Articolo successivoConcorso Entrate 2015: al via le prove per i funzionari. Come si passa

1 COOMENTO

  1. Finalmente……….era da anni che aspettavamo l’inserimento!!!! E’ proprio una sentenza storica!!!!!!Evviva!!!!

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here