Domenica 23 novembre si tengono in Emilia-Romagna e Calabria le elezioni regionali, che rinnoveranno il Consiglio destinato a chiudere il proprio mandato nel 2019.

Si tratta, in entrambi i casi, di elezioni anticipate, per effetto delle dimissioni dei precedenti governatori, rispettivamente per l’Emilia Vasco Errani e per la Calabria Giuseppe Scopelliti.

Oltre 5 milioni di elettori sono chiamati al voto per eleggere i nuovi presidenti di regione e i componenti dell’assemblea legislativa, i quali eleggeranno i propri rappresentanti in consiglio regionale secondo due sistemi elettorali diversi. In Calabria, debutta la nuova legge approvata lo scorso settembre.


Come si vota alle regionali in Emilia e Calabria

I seggi aprono alle 7 e chiudono alle ore 23, e lo scrutinio avverrà immediatamente alla chiusura delle urne. Ovviamente, bisognerà recarsi al seggio con un documento di identità valido e la tessera elettorale personale. Per eventuali dimenticanze o smarrimenti, ci si potrà rivolger all’ufficio elettorale del proprio Comune che resterà aperto nel corso di tutte le operazioni di voto.

A ogni elettore è consentito:

 votare per una lista tracciando un segno sul contrassegno (il voto si intende espresso anche per il candidato presidente a essa collegato);
 votare solo per un candidato alla carica di presidente tracciando un segno sul relativo rettangolo;
– votare per un candidato alla carica di presidente, tracciando un segno sul relativo rettangolo, e per una delle liste a esso collegate, tracciando un segno sul contrassegno di una di tali liste;

Solo in Emilia-Romagna sarà ammesso il  voto disgiunto, esprimendosi a favore di un candidato alla carica di presidente, tracciando un segno sul relativo rettangolo, e contemporaneamente per una delle altre liste a esso non collegate, tracciando un segno sul contrassegno di una di tali liste.
L’elettore può esprimere nelle apposite righe della scheda, uno o due voti di preferenza per un candidato a consigliere regionale, scrivendo il cognome (o il cognome e nome) del candidato o dei due candidati compresi nella stessa lista. Nel caso di espressione di due preferenze, esse devono riguardare candidati di sesso diverso della stessa lista, pena l’annullamento della seconda preferenza.

 

Gli sconti per chi viaggia

Per gli elettori fuori sede, residenti in altra città italiana o all’estero, son previste agevolazioni sui mezzi e sulla rete autostradale. In particolare, Aiscat ha assicurato l’intera esenzione del pedaggio ai caselli per chi risiede all’estero su tutta la rete nazionale. per usufruire del bonus, andrà esibita al casello la tessera elettorale e un documento di riconoscimento. Le facilitazioni resteranno valide fino alle 22 di venerdì 28 novembre.

Treni. Sul fronte ferroviario, invece, Italo Ntv assicura una riduzione del 60% dalle tariffe sui prezzi per i viaggiatori che dovranno recarsi in Emilia-Romagna per partecipare alle operazioni di voto. Lo sconto resterà valido, per gli aventi diritto, fino alle 24 del decimo giorno successivo alle elezioni. I biglietti potranno essere acquistati a prezzo speciale tramite call center. Anche qui, sarà necessario esibire documento di identità e tessera elettorale al personale.

QUI LA SCHEDA E I CANDIDATI ALLE ELEZIONI IN EMILIA-ROMAGNA

QUI LA SCHEDA E I CANDIDATI ALLE ELEZIONI IN CALABRIA 


CONDIVIDI
Articolo precedenteQuota 96, bocciato l’emendamento in legge di stabilità 2015
Articolo successivoElezioni regionali Emilia e Calabria: ultimi sondaggi. Stravince Renzi

1 COOMENTO

  1. IL VOTO E GLI SCONTI
    Per un attimo ho creduto che ci fosse scritto IL VOTO E GLI SCONTRI. Peccato! deughis

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here