Finalmente in aula lo Sblocca Italia. Il decreto approvato dal Consiglio dei ministri nell’ormai lontano 29 agosto scorso, è approdato alla Camera dopo diverse settimane di stand-by. E arriva già la prima, importante modifica: scende l’Iva per le ristrutturazioni.

Mentre si appresta al varo anche la tormentata legge di stabilità 2015, di cui ancora non è noto il testo ufficiale ma alcuni provvedimenti sono comunque pressoché certi, le previsioni per l’edilizia nel decreto Sblocca Italia vengono riviste.

In realtà, a una buona notizia se ne accompagna una che farà arrabbiare i contribuenti, così che anche l’euforia per l’agevolazione rischia di venire mitigata dal contrappeso del provvedimento.

Da una parte, un emendamento al decreto dispone il calo dell’Iva dal 10 al 4 percento sugli interventi di ristrutturazione edilizia: si tratta di una modifica proposta dal MoVimento 5 Stelle, che è ha ottenuto l’ok in Commissione e viene così portato nel testo in aula. Dall’altra, però, viene innalzata la trattenuta dai bonifici per interventi agevolati secondo gli sconti, che schizza dal 4 all’8%. In aggiunta, salgono anche i prezzi per le costruzioni direttamente venduta dalle imprese.

Insomma, con una mano si dà e con l’altra si toglie. La disposizione dell’Iva, in realtà, va comunque ad aggiungersi alla conferma, stavolta inserita nella legge di stabilità 2015 ormai prossima alla divulgazione, dei vari ecobonus energia e per i lavori di ristrutturazione, che la finanziaria ha intenzione di mantenere al massimo anche per tutto il 2015.

D’altro canto, invece, il decreto su cantieri e opere contiene alcune agevolazioni di stampo più strettamente burocratico, con la possibilità di avviare i lavori in casa consegnando solo la dichiarazione di inizio intervento e la certificazione di un tecnico che le eventuali migliorie non andranno a intaccare parti strutturali dell’edificio interessato.

Ora, il decreto sblocca Italia dovrà ottenere il benestare da parte di Montecitorio, per poi passare al Senato in seconda lettura. Il provvedimento, infatti, andrà convertito entro il 12 novembre.

Vai al testo dello sblocca Italia

Le novita' del decreto

Le novita' del decreto "Sblocca Italia" in materia edilizia, urbanistica e paesaggistica - Ebook

Claudio Belcari, 2014, Maggioli Editore

Il decreto-legge 12 settembre 2014 n. 133 cd. “Sblocca Italia”, pubblicato sulla GU n. del 12 settembre 2014 in generale prevede: “Misure urgenti per l’apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche, la digitalizzazione del paese, la semplificazione...




CONDIVIDI
Articolo precedenteDivorzio breve, c’è l’accordo: emendamento in riforma giustizia
Articolo successivoLegge di stabilità 2015: rinvio pensioni e stop esenzioni bollo auto

2 COMMENTI

  1. sono in attesa del rogito notarile riguardante un acquisto di appartamento direttamente dal costruttore (attualmente con iva al 4% in regime di 1a. casa), con la nuova legge di stabilità
    tale iva passerà al 10% !!
    Grazie RENZI, è proprio un bel aiuto per chi intende farsi una famiglia !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  2. sto per iniziare dei lavori di manutenzione straordinaria, inclusi interventi per il risparmio energetico, che si concluderanno in circa 15 giorni. Per usufruire dell’IVA al 4% dovrò attendere la definitiva approvazione del decreto, oppure posso effettuarli adesso e farmeli fatturare dopo tale approvazione?

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here