Tasi 2014, oggi è il giorno della scadenza del primo acconto. Siamo al giorno decisivo, dopo settimane di caos: entro stasera i proprietari e gli inquilini di oltre duemila comuni italiani dovranno aver completato il pagamento della prima rata relativo alla tassa che prende il posto dell’Imu.

In realtà, la scadenza di oggi riguarda anche l’imposta municipale unica, o, almeno, quelle fasce di immobili ancora sottoposte ad essa, come le seconde case o le abitazioni di pregio.

Per tutti gli altri, residenti nei Comuni che hanno fissato a oggi il pagamento della prima tranche della tassa, l’appuntamento è con la Tasi, o, come è stata ribattezzata, la tassa più complicata del mondo. La Tasi è stata introdotta con la passata legge di stabilità, ed è quella parte della Iuc, l’imposta unica comunale, che andrà a finanziare i servizi cosiddetti indivisibili, come la manutenzione dei marciapiedi o l’illuminazione pubblica.

Come si paga

Ribadiamo ancora una volta il metodo per conteggiare in maniera esatta il saldo da versare nelle casse comunali. Si parte dalla rendita catastale dell’immobile rivalutata del 5%. In seguito si dovrà calcolare il valore catastale che deriva dal risultato della moltiplicazione della stessa rendita rivalutata per il coefficiente della categoria (per le case è il 160, per i negozi l’80).

A questo punto, il risultato andrà misurato o sottratto in base a eventuali detrazioni e soprattutto sull’aliquota definita dalle delibere comunali, solitamente pubblicata sul sito del comune di appartenenza. In alternativa, un elenco è compreso nel sito del Mef

Qui informazioni più precise sul calcolo della Tasi

 

Quali sanzioni

Chi sbaglia a calcolare la Tasi non incorrerà in alcuna sanzione, secondo quanto previsto dallo Statuto del contribuente, come ricordato dal sottosegretario all’Economia Enrico Zanetti. Sono due le previsioni che salvano il proprietario o l’inquilino nel caso versino una cifra errata per l’acconto Tasi:

a seguito di fatti direttamente conseguenti a ritardi, omissioni od errori dell’amministrazione

obiettive condizioni di incertezza sulla portata e sull’ambito di applicazione della norma tributaria

QUI L’ELENCO COMPLETO DEI COMUNI DOVE SI PAGA

 

Gli altri ravvedimenti

Nel caso di errori di calcolo per la Tares 2013, l’Imu 2013 o la mini Imu 2014, oggi è il giorno limite per non incorrere in sanzioni per completare il pagamento inesatto.

Vai allo speciale Tasi

IUC 2014

IUC 2014

Centro Studi Fiscale, a cura del, 2014, SEAC

La Legge di Stabilità 2014 ha istituito la nuova imposta unica comunale, costituita a sua volta da due componenti:* una di natura patrimoniale, che è rappresentata dall'IMU;* una legata dai servizi erogati dai Comuni. In relazione a tale componente il prelievo si suddivide ulteriormente in:-...




CONDIVIDI
Articolo precedenteProcesso Civile Telematico: pronti a partire. Cosa succederà
Articolo successivoUber e UberPop, taxi o app? Cosa dice la legge

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here