Iniziano a emergere i primi dati ufficiali sul secondo ciclo Tfa 2014, con il bando ormai pronto all’uscita, la cui bozza possiamo pubblicare in esclusiva su Leggioggi.

Come emerso nei giorni scorsi, e poi confermato dal Miur, i posti messi a disposizione  saranno 22.450, più i 6630 per gli insegnanti che vogliano specializzarsi nel sostegno.

Il limite per presentare le domande è il prossimo 10 giugno, a 30 giorni esatti da oggi, quando, cioè, il bando viene pubblicato e diventa effettivo nelle sue parti.

QUI TUTTO QUELLO CHE OCCORRE SAPERE PER SUPERARE I TFA

Confermata per il mese di luglio, invece, dopo ulteriori 30 giorni o poco più, la prova preselettiva per il Tirocinio formativo attivo dell’anno in corso, con i corsi già annunciati per il prossimo mese di novembre, sotto la vigilanza dell’Anvur.

A ottobre, invece, l’esame vero e proprio con le varie prove, che sarà aperto esclusivamente a coloro che avranno totalizzato un minimo di 21 punti su trenta nel test preselettivo di mezza estate. Per accedere all’orale, quindi, il punteggio andrà quantomeno replicato allo scritto, con la soglia di sufficienza stabilita sempre a 21 su 30 punti disponibili.

Confermati anche i numeri in eccesso al Tfa, che consentiranno di partecipare senza alcuna prova di accesso ai congelati Ssis, a chi ha vinto il Tfa nel 2013 e poi è rimasto a piedi per mancanza di posti disponibili, e chi, infine, si è trovato costretto a scegliere un solo percorso abilitante.

Vai al testo del bando Tfa 2014

 

 

Tirocinio Formativo Attivo - I test per la prova di valutazione delle competenze in ingresso

Tirocinio Formativo Attivo - I test per la prova di valutazione delle competenze in ingresso

Giuseppe Cotruvo, 2014, Maggioli Editore

Il volume è indirizzato a quanti intendono accedere al Tirocinio Formativo Attivo ed intendono prepararsi alla prova di valutazione delle competenze in ingresso. Seguendo fedelmente le indicazioni del Decreto 10 settembre 2010, n. 249, il testo si focalizza sui quesiti volti a verificare le...




CONDIVIDI
Articolo precedenteDichiarazione dei redditi, addio a 730 e Unico. Come sarà la precompilata
Articolo successivoUn sorriso dietro le sbarre …un sorriso triste

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here