E’ stata pubblicata in Gazzetta ufficiale la legge 71/2014, che ratifica e pone in esecuzione l’accordo tra Italia e Francia per la realizzazione della linea ferroviari ad alta velocità tra Torino e Lione. La legge era stata approvata lo scorso 9 aprile dal Senato, in un clima molto acceso, dove si è addirittura sfiorata la rissa.

A entrare in vigore è il patto stretto il 30 gennaio 2012 tra le due Repubbliche, italiana e francese, per il contestato tratto del TAV che continua a generare aspre polemiche specialmente nella val di Susa, in Piemonte, dove i binari dovrebbero passare per valicare le Alpi.

In particolare nell’accordo trovano spazio i tunnel di 57 chilometri tra tra Saint-Jean-de-Maurienne  in  Francia  e  Susa-Bussoleno  in   Italia, scavato  sotto  le  Alpi  in  territorio  italiano   e   francese, oltre a un ulteriore galleria a due canne di circa 19,5 chilometri,  situata  sul territorio italiano, tra Susa e Chiusa San Michele.

Per vigilare sui contratti di realizzazione, viene istituita una Commissione dei contratti composta da 12 membri, per il rispetto dei principi di libertà di accesso alla commessa pubblica, di parità di trattamento dei candidati e di trasparenza delle procedure.

Vai al testo della legge sulla TAV


CONDIVIDI
Articolo precedenteMediazione tributaria
Articolo successivoNuovo Isee 2014, via alla fase due. Arriva la Dsu contro i finti poveri

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here