Era stato annunciato da alcune settimane e, oggi, è arrivata la conferma definitiva. Il Sistri – sistema di tracciabilità dei rifiuti – entrerà in vigore soltanto nel 2015. La disposizione è infatti contenuta nel decreto Milleproroghe, approvato, in via definitiva, dal Senato ieri mattina.

Dunque, slitta di un anno l’entrata in vigore del nuovo sistema per conservare la memoria dei volumi di rifiuti prodotti, e, con esso, anche il dispositivo sanzionatorio, vero ambito prioritario per la riforma del meccanismo di tracciabilità.

Nella fattispecie, all’interno del decreto 150/2013, ribattezzato “Milleproroghe”, viene rinviata di cinque mesi la moratoria sulle sanzioni, con la relativa applicazione che partirà dal prossimo primo gennaio anziché dall’inizio del 2014.


Un altra novità sul Sistri, contenuta nel decreto Milleproroghe, riguarda l’utilizzo dei registri cartacei di tipo classico, i quali vengono anch’essi rinviati alla fine dell’anno, rimanendo, dunque, strumento valido e ufficialmente riconosciuto per l’utilizzo e l’archiviazione.

Ricordiamo che il Sistri è il sistema volto al monitoraggio, alla classificazione e alla memorizzazione della produzione dei rifiuti ritenuti pericolosi sul territorio. In sostanza, la sua attivazione sostituirà, in un colpo, tutti i vari formulari di tipo cartaceo esistenti, che verranno fatti migrare interamente in formato digitale all’interno del Sistri.

Obbligati all’adesione saranno tutti i soggetti che, sul territorio nazionale, producono rifiuti pericolosi e non, e in particolare coloro che, in stato iniziale, provochino la creazione di materiali classificabili come rifiuti potenzialmente a rischio per al popolazione, sia da ambito artigianale che industriale, che gli stessi trasportatori.

Sono ormai sette anni che il sistema deve entrare in vigore e viene puntualmente rinviato e avrebbe dovuto porre un freno deciso allo smaltimento illegale di rifiuti, in particolar modo di quelli pericolosi che proliferano nelle discariche a cielo aperto, con materiali potenzialmente dannosi per la salute dell’uomo.

Ancora, però, le vicissitudini del Sistri, non si sono chiuse, dopo rinvii e anche alcune inchieste, e si dovrà aspettare fino all’inizio del 2015 per il suo avvio completo. Sempre che, nel prossimo decreto Milleproroghe, non si adotti l’ennesimo rinvio del sistema.

 

Edit: Precisiamo che la proroga in oggetto riguarda la moratoria sulle sanzioni e la permanenza della validità delle registrazioni cartacee fino a inizio 2015. Pertanto, a slittare è il regime esclusivo di Sistri in formato elettronico, che, da lunedì 3 marzo, continuerà a convivere con quello classico fino a fine anno. Tutte le informazioni, nel testo qui sotto.

Vai al testo del decreto Milleproroghe


CONDIVIDI
Articolo precedenteDecreto salva Roma, secondo ritiro. Bloccato in Senato da Lega e M5S
Articolo successivoSanatoria Equitalia, addio proroga: pagamento cartelle entro domani

10 COMMENTI

  1. A quanto pare, il sistema partirà il 3 marzo con un doppio binario (vecchi registri+chiavette usb), ma come bisogna comportarsi con i carichi non ancora scaricati? (scusate il gioco di parole) bisogna registrare le quantità in giacenza anche sulla chiavetta usb o le lasciamo solo sul registro cartaceo?? vi prego fate chiarezza…

  2. Scusate,
    ma se non ci sono sanzioni e visto che debbo comunque fare il cartaceo, perchè utilizzare il Sistri?
    In altre parole, se non opero sul sistri fino al 31 dicembre 2014, cosa mi può succedere?

  3. Da come ho potuto capire il SISTRI partirà dal 3 Marzo con tante problematiche e niente sanzioni fino il 2015 quando effettivamente il SISTRI partirà e se partirà!!! Lunedì 3 Marzo insieme al FIR (formulario identificazione rifiuto) va compilata anche una scheda SISTRI che dagli articoli letti non viene accennata .

  4. Buongiorno Se tutto e’ rimandato al 2015 , adesso le aziende cosa devono fare?? C’e’ sempre l’obbligo di usare la chiavetta ma non e’ sanzionabile se non si usa, oppure tutto e’ rimandato al 2015 ??
    grazie

  5. In sintesi, l’operatività del Sistri per i produttori iniziali di rifiuti pericolosi e per i Comuni e le imprese di trasporto dei rifiuti urbani del territorio della Campania resta confermata a partire dal prossimo 3 marzo. Slittano però le sanzioni, da applicare a partire da gennaio 2015

  6. non dite notizie non vere
    IL SISTRI PARTIRA’ LUNEDì 3 MARZO
    NON CI SONO PROROGHE!!!

    le proroghe sono solo per le sanzioni!

  7. tuttp è giusto , ma deve essere più elementare e non deve essere come solito un costo x farlo fare. a me anno chiesto 200€ al mese x la prestazione sistri,vergogna . mi domando sono questi i nuovi posti di lavoro?

  8. Sul Sistri e sulla sua storia siete riusciti a scrivere una serie di corbelleria in così poche righe che voglio sperare non siate il quotidiano di informazione giuridica che affermate, ma una sua malriuscita imitazione…

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here