Niente da fare, il decreto salva Roma non passa. A due mesi di distanza dal primo ritiro, il provvedimento che dovrebbe evitare il commissariamento della Capitale viene bloccato ancora, a un passo dal traguardo.

Sarebbe scaduto venerdì prossimo il decreto ribattezzato enti locali, ma l’ostruzionismo in Parlamento di MoVimento 5 Stelle e Lega Nord ha convinto la maggioranza a fermare ancora una volta l’iter di approvazione. Lo scorso dicembre, fu il presidente Napolitano a provocare uno degli ultimi atti del governo Letta, portandolo di fatto al ritiro immediato del provvedimento. Questa volta, invece, sembra che la decisione sia stata presa in autonomia dalla maggioranza, viste le barricate innalzate in Parlamento sul decreto, che, per essere convertito, avrebbe dovuto passare indenne due votazioni in Commissione, riunita in sede deliberante sia alla Camera che al Senato, evitando, così, il passaggio in aula. L’unica via per la conversione del testo in legge entro venerdì che, però, è stata rapidamente abbandonata dal governo.

Ora, dunque, il destino del bilancio nella capitale torna in bilico, anche se il neo ministro per le Riforme Maria Elena Boschi ha già confermato che le norme dovrebbero essere ripresentate in un disegno di legge di prossima presentazione in Consiglio dei ministri da parte dell’esecutivo di Matteo Renzi.


A tal proposito, il ministro più giovane del nuovo governo, è stato immediatamente attaccato dagli oppositori, ponendo l’accento sulla non reiterabilità dei decreti in caso di decadenza.

Per questa via, dunque, l’unica possibilità per il governo è quella di cambiare le leggi contenute quel tanto che basta per non provocare la mannaia della Corte costituzionale, che potrebbe rendere nullo il provvedimento qualora ravvisi profili di illegittimità dovuta all’eventuale reiterazione.

A saltare, non è soltanto il pacchetto di leggi che avrebbero scongiurato il dissesto completo del comune di Roma, ma anche le norme relative all’Expo 2015, agli affitti d’oro della politica, al taglio delle sanzioni per i libretti al portatore e l’imposta di sbarco sulel isole minori.


CONDIVIDI
Articolo precedenteMilleproroghe e appalti, ufficiale la proroga del sistema AvcPass
Articolo successivoSistri, è legge la proroga a inizio 2015. Le altre novità nel decreto

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here