Il disegno di legge Delrio ha ricevuto il primo via libera dalla Camera dei deputati sabato notte, dopo una seduta fiume che ha tenuto i deputati sui banchi fino a orari proibitivi per l’approvazione prima della legge di stabilità, poi per il ddl sull’abolizione delle province e, da ultimo, il contestato decreto salva Roma.

In realtà, con il ddl Delrio, non si tratta di vera e propria abolizione delle Province, ma di svuotamento delle stesse e la presa d’atto che, nel 2014, non si svolgeranno le elezioni provinciali. I sì al provvedimento sono stati 277, soltanto 11 i no e 3 gli astenuti. La votazione si è svolta in un clima di tensione, dopo l’andirivieni dall’aula dei deputati di Forza Italia e del MoVimento 5 Stelle, che hanno cercato, più volte, di far mancare il numero legale.

Alla fine, comunque, il disegno di legge, è passato chiudendo il primo, lungo esame parlamentare, durato diverse settimane, nel corso delle quali si è discusso a fondo del destino degli enti di governo locale.


Come noto, infatti, il ddl istituisce le nuove Città metropolitane che, nelle zone dove saranno realizzate, sostituiranno le province, andando a comporre delle agglomerazioni di Comuni. Diversamente, dove le Province rimarranno in funzione, saranno i sindaci a doverle amministrare“In attesa del disegno costituzionale –  ha spiegato il ministro Graziano Delrio, principale sponsor del ddl – di abolizione, le province si riducono a enti leggeri con poche funzioni, molto utili ai comuni; i piccoli comuni potranno lavorare più facilmente insieme, nelle unioni, con meno burocrazia e più autonomi”.

Anche per i dipendenti, ha assicurato il ministro, non ci dovrebbero essere brutte sorprese, con gli organici che verranno assorbiti tra i vari enti, Comuni o Città metro

Di avviso completamente diverso le opposizioni, con in testa il capogruppo berlusconiano Renato Brunetta, ex alleato nel governo delle larghe intese e ora più convinto oppositore della linea del governo: “Il disegno di legge sulle province si può definire a tutti gli effetti una vera e propria legge truffa, non abolisce le province, ma crea enti di secondo livello: di fatto trasforma le province in enti di area vasta, li sottrae alla rappresentanza democratica, escludendo ogni tipo di elezione diretta, con l’obiettivo di rendere le nuove province e le nuove città metropolitane assemblee monocolore di sinistra”.

 

Vai allo speciale ddl Delrio

Vai al testo del ddl Delrio


CONDIVIDI
Articolo precedenteLegge di stabilità 2014, il testo finale arrivato in Senato
Articolo successivoAgenzia delle Entrate, novità su monitoraggio fiscale e redditi esteri

3 COMMENTI

  1. Risparmiare sulle rappresentanze elettive fa tornare al Podestà fascista.
    Dando al Presidente della Provincia funzioni di Ufficiale del Governo come già il Sindaco permetterebbe di avere un solo Prefetto per regione che eserciti unicamente le funzioni tipo antimafia per cui occorra una distanza dai poteri locali. Così si risparmia davvero, senza toccare né la Costituzione né la geografia

  2. […] In realtà, con il ddl Delrio, non si tratta di vera e propria abolizione delle Province, ma di svuotamento delle stesse e la presa d’atto che, nel 2014, non si svolgeranno le elezioni provinciali. I sì al provvedimento sono stati 277, soltanto 11 i no e 3 gli astenuti. La votazione si è svolta in un clima di tensione, dopo l’andirivieni dall’aula dei deputati di Forza Italia e del MoVimento 5 Stelle, che hanno cercato, più volte, di far mancare il numero legale. Continua → […]

  3. La pressione politica dei Grillini ha messo in crisi tutto il sistema. I partiti non hanno le idee chiare e così nascono leggi e provvedimenti pieni di contraddizioni e confusionari. Questo perchè ancora i grandi soloni della politica non hanno tracciato l’idea del nuovo Stato e delle sue diramazioni. Dobbiamo prepararci ad una nuova stagione di discussioni e conflitti di competenze.

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here