Legge di stabilità al doppio voto di fiducia. E’ stato annunciato per domani mattina – venerdì – alle 12:10 l’atto conclusivo del cammino della legge finanziaria alla Camera dei deputati. Il governo ha infatti deciso di ricorrere ancora una volta alla questione di fiducia, blindando così il testo che verrà approvato in blocco.

Questa volta, però, a differenza del primo passaggio al Senato, la Commissione bilancio ha prodotto una versione della nuova finanziaria, senza obbligare il governo a presentare un maxiemendamento con tanto di voto di fiducia al seguito. Ora, verosimilmente, la scelta è ricaduta sulla questione di fiducia al governa per la semplice ragione di ridurre le tempistiche di approvazione del ddl.

Già lunedì 23, infatti, la legge tornerà al Senato, dove dovrebbe ricevere il via libera definitivo se, come appare verosimile, non subirà ulteriori ritocchi.


In questo senso, assume primaria rilevanza il pacchetto di misure introdotte alla Camera che, con ogni probabilità, andranno a  costituire la versione definitiva della legge di stabilità 2014.

Ecco, dunque, tutte le novità del ddl nella sintesi realizzata dal Servizio Studi della Camera, dove capitolo per capitolo viene analizzata la legge e il possibile impatto sull’economia.

VAI ALLO SPECIALE LEGGE DI STABILITA’

 


CONDIVIDI
Articolo precedenteIntermediazione tutta privata, ma con fondi pubblici? Il liberismo che non c’è
Articolo successivoUniversità, dietrofront sul bonus maturità: gli idonei potranno iscriversi

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here