Seconda rata Imu, la beffa è ora ufficiale. Con la pubblicazione in Gazzetta del decreto 133, approvato lo scorso 27 novembre del Consiglio dei ministri, non ci sono più dubbi: nel prossimo mese di gennaio, in oltre 800 Comuni italiani i possessori di prime case saranno costretti a pagare il 40% dell’acconto inizialmente previsto per questo mese di dicembre.

Insomma, il governo Letta, che aveva garantito in svariate occasioni di voler cancellare l’Imu entro la fine dell’anno, esentando completamente i proprietari di prima casa, è costretto a un clamoroso dietrofront, proprio a ridosso della scadenza. Il termine per il versamento della rata, infatti, era previsto per il prossimo 16 dicembre: con il nuovo provvedimento, per il conguaglio viene concesso un mese in più, ma non c’è dubbio – e le reazioni di questi giorni lo confermano – che sindaci e contribuenti sono andati su tutte le furie.

In questo momento, infatti, tutti i possessori di prime case in Italia si stanno chiedendo se, a inizio 2014, dovranno affrontare il revival dell’Imu o se, viceversa, potranno ritenere concluso definitivamente il proprio rapporto con l’imposta sugli immobili inaugurata dal governo Monti.


Come detto, sono oltre 800 i Comuni che nel corso dell’anno hanno deciso di alzare l’aliquota base da cui calcolare l’importo Imu, pur in presenza dei continui rinvii del governo sui versamenti richiesti ai proprietari.

Ma come è possibile sapere con esattezza quanto si dovrà versare? Nello specifico, basterà calcolare la rata Imu nella sua interezza, così come prevista per il prossimo 16 dicembre prima del decreto di parziale copertura, per poi eliminare dal risultato la somma che si arriverebbe a pagare con aliquota allo 0,4: naturalmente qualora l’esito sia quello di una cifra negativa, si dovrebbe contare il dovuto come pari a zero.

Secondo quanto calcolato dalla Cgia di Mestre, gli esborsi extra richiesti ai possessori di prime case andranno dai 71 ai 104 euro per ognuno degli oltre 3 milioni di immobili coinvolti.

La vera doccia fredda, però, è relativa alla data prescelta dal governo per chiudere il capitolo Imu 2013: il 16 gennaio prossimo, quando, stando alle indicazioni del maxiemendamento alla legge di stabilità appena approvato in Senato, andrà saldato anche il primo acconto della Iuc, la neonata imposta unica comunale che, al suo interno, conterrà anche una parte della stessa Imu. Una tassa che, più che abolita, oggi, sembra davvero immortale.

Vai al testo del decreto Imu


CONDIVIDI
Articolo precedenteImu 2014, il testo del decreto sulla rata di dicembre pubblicato in Gazzetta
Articolo successivoIl Porcellum e la Consulta: chi gioca a scaricabarile e chi digiuna

6 COMMENTI

  1. M dispiace per il nostro caro governo e per il mio comune di appartenenza ma non pago perche’non riesco nemmeno ad arrivare alla fine del mese figuriamoci pagare la mini imu una casa che ho comprato con sacrifici e con un mutuo che pagbero’per i prossimi 30anni il governo si deve vergognare non mi uccidero’per questo dovete mettere in pratica le promesse fatte durante le elezioni sono indignato datevi una mossa

  2. Come mai nessun sindaco si è alterato e rivoltato quando, in campagna elettorale, qualcuno ha fatto della soppressione dell’IMU sulla prima casa la propria bandiera?
    Com’è che adesso questi Sindaci si dicono tutti indignati per questa mini tassazione (che aggiunta a tutto il resto ci sta dissanguando)?
    Non sia mai che qualche amministratore assolva al suo compito con equità, coerenza, intelligenza e buon senso, mai…

  3. un branco di ciarlatani oltre a dover pagare nemmeno i caf sanno fare i calcoli,idiota di ministro mi fai tribulare anche per pagare

  4. Mi chiedo per quanto tempo riusciamo ad andare avanti cosi,solo pagare….ancora un po pagheremo anche l aria che respiriamo…ogno governo promette ma alla fine sono parole che volano nell aria!!!!basta sfruttare e mangiare sulle spalle degli italiani,vergognatevi siamo il paese europeo dove paga piu tasse degli altri!

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here