Nuovi tutelati, ecco la prima circolare. I primi salvaguardati dal governo di Enrico Letta ottengono le indicazioni operative per iniziare il proprio cammino verso il riconoscimento del diritto alla pensione. Sono oltre 9mila gli ex lavoratori esodati, non ancora pensionati che si trovano inclusi nei piani di recupero degli ultimi decreti tradotti in legge dal Parlamento nelle ultime settimane.

Questa volta, è il ministero del Lavoro stesso a seguire la strada già battuta nelle proprie funzioni dall’Inps, il quale, per i precedenti interventi governativi, si era limitato a emanare circolari contenenti istruzioni per l’esame delle domande pervenute e i vari step fino all’erogazione dell’assegno, per la verità, un traguardo che ancora in pochi hanno raggiunto.

Questa volta, allora, a differenza dei casi antecedenti con protagonista il governo Monti e il ministro Fornero, non si è dovuto attendere il decreto attuativo con relativa pubblicazione in Gazzetta e il conseguente dilatarsi dei tempi di inoltro delle domande e dell’iter completo di rientro nel welfare: ora, le raccomandazioni del Ministero son da intendersi già effettive, per quanto a lunga scadenza.


Come si diceva, allora, sono migliaia i nuovi esodati che il governo ha preso l’impegno di salvaguardare: 9mila con il decreto Imu-Cig 102/2013, mentre la frazione restante è inclusa nei piani di bilancio del decreto precari 101/2013.

La prima tranche, quella del decreto 102, riguarda essenzialmente i cosiddetti cessati, per via di licenziamento, nel periodo compreso tra l’inizio del 2009 e la fine del 2011 – in ragione di 6500 unità – mentre i rimanenti 2500 vanno rintracciati tra coloro che nel 2011 si trovavano in congedo per assistere un figlio disabile. Per tutti questi, il limite per inviare la domanda di accesso alla salvaguardia contenuta nel decreto Imu, ossia il 26 febbraio 2014, quattro mesi esatti dopo la pubblicazione del decreto convertito in legge sulla Gazzetta Ufficiale.

Un giorno in più, invece, per tutti quei dipendenti delle Regioni in stato di esonero, oppure per tutti coloro che, al 4 dicembre 2011, data dell’entrata in vigore della legge Fornero, si trovassero già in stato di esonero: per loro, la data limite per la presentazione delle domande sarà invece il 27 febbraio.

Per inviare le richieste, specifica la circolare del Ministero, si potrà ricorrere alla posta elettronica certificata da parte di enti e soggetti idonei alla presentazione della domanda, come consulenti del lavoro, patronati, dottori commercialisti. I tempi tecnici per l’accoglimento o meno delle istanze restano immutati: come per i precedenti decreti, ci saranno 30 giorni per chiudere le analisi da parte della commissione e la possibilità di avanzare ricorso entro un ulteriore mese dall’eventuale rifiuto.

Vai al testo della circolare del ministero del Lavoro

Vai allo speciale esodati

Vai al testo del decreto Imu

Vai al testo del decreto precari


CONDIVIDI
Articolo precedentePratiche commerciali scorrette nel settore delle tlc: uno solo è il Garante competente
Articolo successivoAliquota iva dal 21 al 22%. Ecco la nuova circolare dell’Agenzia delle Entrate

1 COOMENTO

  1. Buongiorno, ho compiuto 60 anni quest’anno con 30 anni di contributi lavorativi e non rientro nei salvaguardati perché compio gli anni a Novembre e da quest’anno parte 1 anno di finestra + i tre mesi di ISTAT ed io non rientro per due mesi a questa salvaguardia e dovrei andare in pensione a 67 anni + aspettativa di vita. Vi sembra equo questo, è togliere da dignità ad una donna. Noi donne del 1952/53 con 20/25/30 anni di lavoro contributivo siamo state abbandonate, senza lavoro, senza pensione.

    maia betelli

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here