Con la legge di stabilità 2014, giustizia e amministrazione costeranno di più. Non c’è solo la casa a fare da “riserva” per le casse pubbliche, in vista dei prossimi tre anni. Anche procure, tribunali ed enti  pubblici chiederanno esborsi sempre maggiori, naturalmente a discapito dei contribuenti che finanziano quella stessa spesa e, talvolta, anche degli stessi professionisti.

Mentre, infatti, è ormai comprovato che, in termini assoluti, le nuove tasse sulle abitazioni chiederanno a proprietari e inquilini un esborso di gettito superiore per circa un miliardo, piccoli, ma significativi rincari sono in arrivo anche per gli operatori della giustizia, le pubbliche amministrazioni e gli utenti di questi due mondi, mentre i corrispettivi per le prestazioni offerte vengo progressivamente ridotti.

Innanzitutto, viene innalzata da 8 a 27 euro la cifra richiesta per l’anticipazione delle spese di notifica per opera delle cancellerie: la celebre marca da 8, si appresta a diventare “marca da 27”, per un esborso superiore a oltre tre volte del valore attuale. Si tratta, insomma, dell’obolo richiesto per le cause civili, che farà lievitare gli oneri delle vertenze, tra spettanze degli avvocati – ora tarate secondo le linee guida del contributo unificato, ma si attendono le novità sui compensi – e le spese di amministrazione.


L’incremento della quota per spese di cancelleria, porterà in dote al sistema statale circa 44 milioni di euro in più, che dovrebbero consentire l’assunzione in ruolo di 330 magistrati vincitori di concorso ancora esclusi.

Non tutti i legali, però, passano indenni dal bisturi della legge di stabilità 2014: per quelli pubblici e appartenenti al libero foro, in caso di patrocinio gratuito, è in arrivo un abbassamento della parcella. Ai difensori delle PA, nel caso di sentenza a favore dell’ente, verrà erogato un pagamento pari al 75% del dovuto, mentre il patrocinio gratuito diventa sempre più tale, venendo ridotto di un ulteriore terzo del totale.

Poi, come illustrato nella pagina riepilogativa della legge di stabilità 2014, il disegno di legge attualmente in Senato prevede che per sostenere gli esami per iscriversi all’albo, o da cassazionisti, vadano versati rispettivamente 50 e 75 euro, che andranno a foraggiare le spese per lo svolgimento delle prove.

In particolare, è previsto un gettito di 3 milioni di euro dalle iscrizioni per l’accesso al foro, più altri due milioni divisi in parti diseguali tra cassazionisti, notai e magistrati.

Infine, la novità per i processi amministrativi generali è che gli enti dovranno versare 16 euro per ogni documento trasmesso per via telematica alla PA o che essa a diramato tramite questo canali.

Vai al testo della legge di stabilità 2014

Vai alla legge di stabilità 2014 punto per punto

Vai allo speciale legge di stabilità

 


CONDIVIDI
Articolo precedenteLegge di stabilità 2014, inizia la lunga marcia: ecco le prime modifiche
Articolo successivoLegge di Stabilità: senza garanzia di permanenza il Garante del contribuente

3 COMMENTI

  1. LA MINORANZA SILENZIOSA
    Evidentemente in Italia la maggioranza se la passa ancora bene però i nostri Amministratori stanno tentando in tutti i modi di farsela nemica. deughis

  2. Se fosse confermato l’abbassamento delle tariffe per il gratuito patrocinio, propongo uno sciopero ad oltranza di tutti gli Avvocati fino a quando i parlamentari non solo ripristineranno le vecchie tariffe, ma addirittura le alzeranno riducendo del 75% i loro stipendi.
    Gianluigi Filauri

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here