Il Consiglio dei Ministri, riunitosi ieri a Palazzo Chigi, ha approvato un disegno di legge per l’abolizione del finanziamento pubblico e per la regolamentazione della contribuzione volontaria ai partiti politici. Il disegno di legge, inoltre, prevede nuove regole volte ad assicurare il tasso di democrazia interna, la trasparenza dei partiti, i controlli sulle relative spese.

Contributi dei privati

Dalla nota stampa diffusa dal Governo al termine dell’incontro, si apprende che al posto del finanziamento pubblico entrerà in funzione un nuovo sistema che si fonderà sulla contribuzione volontaria da parte dei privati e che si potrà effettuare attraverso:


a) detrazioni;

b) 2 x 1000.

Chi potrà accedere al nuovo sistema

Secondo le prime indicazioni fornite dal Governo Letta, possono essere ammessi ad ottenere il finanziamento privato in regime fiscale agevolato i partiti politici che abbiano conseguito, nell’ultima consultazione elettorale, almeno un rappresentante eletto alla Camera dei deputati o al Senato della Repubblica o in un’assemblea regionale, o che abbiano presentato, nella stessa consultazione elettorale, candidati in almeno tre circoscrizioni per le elezioni per il rinnovo della Camera dei deputati o in almeno tre del Senato della Repubblica o delle assemblee regionali, o in almeno una circoscrizione dei membri del Parlamento europeo spettanti all’Italia.

Le detrazioni

Si precisa altresì che le erogazioni liberali in denaro, effettuate dalle persone fisiche in favore dei partiti politici, avranno dall’imposta lorda una detrazione pari:

al 52 per cento per importi compresi fra 50 euro e 5.000 euro annui;

al 26 per cento (stessa percentuale di detrazione riservata per erogazioni alle Onlus) per importi tra i 5.001 e i 20.000 euro.

Il 2 x 1000: il cittadino sceglie a chi dare i soldi

I partiti politici che abbiano conseguito nell’ultima consultazione elettorale almeno un rappresentante eletto alla Camera dei deputati o al Senato della Repubblica potranno essere ammessi alla ripartizione annuale del 2 x 1000 della propria imposta sul reddito (IRE). Una decisione che assumerà il contribuente, sempre a decorrere dall’anno finanziario 2014, in fase di dichiarazione dei redditi mediante la compilazione di una scheda recante l’elenco dei soggetti aventi diritto.

Il tempo necessario perché il sistema vada a regime: le norme transitorie

Il sistema di regolamentazione della contribuzione volontaria ai partiti politici prenderà avvio nel 2014, ma andrà a regime nel 2016. Solo a giugno 2015 gli italiani saranno infatti chiamati a dichiarare i propri redditi relativi al 2014. A quel punto saranno necessari altri mesi per permettere all’Erario di stabilire l’ammontare esatto della quota del 2 x 1000 da destinare a ciascun partito politico. Fino a tale momento, e quindi in via transitoria, a tutti i partiti è riconosciuto il taglio:

del 40 per cento nel primo esercizio successivo a quello dell’entrata in vigore del disegno di legge;

del 50 per cento nel secondo esercizio successivo a quello dell’entrata in vigore del disegno di legge;

del 60 per cento nel terzo esercizio successivo a quello dell’entrata in vigore del disegno di legge;

Con il quarto esercizio finanziario successivo a quello dell’entrata in vigore del disegno di legge il finanziamento cessa.

Più trasparenza

Per ottenere i contributi volontari, i partiti politici dovranno organizzarsi secondo requisiti minimi idonei a garantire la democrazia interna. Dovranno altresì assicurare la trasparenza e l’accesso a tutte informazioni relative al proprio funzionamento, anche mediante la realizzazione di un sito internet, completo nelle informazioni, chiaro nel linguaggio, facile nella consultazione. Su questo sito dovrà essere pubblicato il rendiconto di esercizio corredato dalla relazione sulla gestione e dalla nota integrativa, nonché il verbale di approvazione del rendiconto di esercizio.

Il disegno di legge comprende inoltre nuove disposizioni in materia di comunicazione politica fuori dalla campagna elettorale: i partiti politici avranno diritto ad accedere a spazi televisivi messi a disposizione a titolo gratuito dalla concessionaria del servizio pubblico radiotelevisivo ai fini della trasmissione di messaggi (della durata massima di un minuto) diretti a rappresentare alla cittadinanza i propri indirizzi politici.

Leggi il testo del disegno di legge approvato ieri dal Consiglio dei Ministri


CONDIVIDI
Articolo precedenteBolletta pagata: buttarla o non buttarla? Questo è il problema!
Articolo successivoDecreto eco-bonus, ristrutturazione edilizia e bonus mobili: il testo

2 COMMENTI

  1. La solita porcata a lunga scadenza, noi i sacrifici dobbiamo farli subito e delle volte con valenza retroattiva loro sempre con tempi lunghi. Bravi bravissimi, il solito esempio di menefreghismo politico e mancanza di rispetto verso l’elettore. Dobbiamo sbarazzarci di queste canaglie!

  2. Io non capisco…..Questi divoratori di beni altrui…. Quando si parla dei loro interessi trovano le più disparate soluzioni, ma quando si tratta di fare un sistema fiscale evoluto, di ridare ossigeno sottoforma di libertà fiscale/burocratica per gli altri, non sono mai d’accordo, non si può fare nulla oppure non c’è copertura…… Ora, io, e come me sono tantissimi a chiederlo, pensando ad un bilancio meno complicato dello stato, dico….. se una persona qualunque, spende qualche centinaio di euro in una casa, certamente vi troverà in essa cose che prima non vi erano, e di conseguenza ne vede la differenza in meglio….. Questi demolitori spendono, o almeno così dicono, circa mille miliardi di euro all’anno, che è una cifra enorme per un paesucolo di 60 milioni di persone,…. ora, come mai se spendiamo tutti questi soldi nel nostro paese, non si vede un miglioramento in qualcosa, e anzi tutto va in degrado??? Perchè non ci danno un sistema trasparente e servizi adeguati ai soldi che ci chiedono in tasse…. che tra l’altro ormai non sono cosi alte in nessun paese del pianeta e credo di poter affermare dell’universo, come possono i cittadini avere fiducia in gente che prometteva meno tesse sul lavoro e invece con la scusa di rimandare di tre mesi l’iva hanno aumenteto irpef ad irap poi tra tre mesi quando aumenterà l’iva non credo proprio che queste persone si ricorderanno di ri-abbassarle…… potevano chiamare Silvan almeno gli avrebbe insegnato il gioco delle tre carte…….In quanto a voi giornalisti e divulgatori di notizie, voi non avete idea di quanto sia importante il vostro lavoro, una comunità dovrebbe avere dei giornalisti indipendenti… presto questo paese sarà un cumulo di macerie e la responsabilità sara tra quelli di voi che hanno omesso di dare le notizie per come sono, travisando o non dicendo. Ricordate che quando muore il cane assieme ad esso muoiono anche pulci e zecche…!!
    Saluti…

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here