Le difficoltà non sono state poche ma alla fine l’ok alla proroga dei due “bonus” che riguardano la casa è arrivato; quello “ecologico” che incentiva con una detrazione chi realizza lavori sugli immobili rivolti ad incrementare l’efficienza energetica, e quello puramente edilizio che agevola tutte le ristrutturazioni e i lavori edilizi. Nel Consiglio dei ministri di oggi, oltre alla grana del finanziamento pubblico ai partiti, si parlerà ancora delle detrazioni ed è possibile che qualche ulteriore modifica possa esserci.

Il punto fermo è che considerata la pochezza delle risorse a disposizione del Governo i due bonus beneficeranno di una proroga di soli 6 mesi, una scelta che almeno parzialmente depotenzia l’effetto anticiclico del provvedimento, fortemente voluto da tutti gli operatori del settore dell’edilizia e costruzioni, che devono fare i conti con una crisi profondissima. Praticamente impossibile anche ridurre il lasso di tempo – dieci anni – in cui si può spalmare la detrazione; meno sono gli anni e più interessante diventa l’agevolazione fiscale, ma per il momento ci sono solo 500 milioni sul tavolo, e più di tanto non si può fare.

Qualche novità, tuttavia, potrebbe essere in vista: ad esempio, si sta cercando di migliorare l’incentivo alle eco-ristrutturazioni rispetto a quello tradizionale. L’«ecobonus», oltre ad incentivare la ripresa del settore edile, ha anche il vantaggio di rendere gli immobili meno cari dal punto di vista energetico, meno inquinanti e con un minore impatto sulle emissioni di gas serra.


Se questa linea avesse successo, come auspicano certi ministri, l’agevolazione riguarderebbe il 65% della spesa, e non solo il 55%. Il ministro delle Infrastrutture Maurizio Lupi invece vorrebbe potenziare il bonus tradizionale, alzandolo al 55%, estendendolo alla messa in regola con le norme antisismi­che, e soprattutto all’acquisto di alcuni beni (mobili e cucine) per le giovani coppie.

 


CONDIVIDI
Articolo precedentePA: tutte le novità del dl sblocca-debiti. Professionisti e garanzia
Articolo successivoG.U.: l’autorizzazione unica ambientale sarà in vigore dal 13 giugno

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here