I fornitori di servizi di comunicazione elettronica dovranno segnalare al Garante Privacy, entro 24 ore dalla conoscenza – almeno in modo sommario – ogni violazione ai trattamenti di dati personali subita ed integrare poi tale prima segnalazione entro 3 giorni.

Se, inoltre, dalla violazione può derivare un danno ai soggetti cui dati si riferiscono, il titolare del trattamento dovrà, altresì, inviare analoga segnalazione a questi ultimi.

Al fine di consentire al Garante di svolgere la propria attività di controllo, infine, i fornitori di servizi di comunicazione elettronica dovranno tenere un apposito registro aggiornato di tutte le violazioni subite contenente tutte (e soltanto) le informazioni necessarie a chiarire le circostanze nelle quali si sono verificate, le conseguenze che le stesse hanno avuto e i provvedimenti adottati per porvi rimedio.

Sono questi i principali obblighi cui si riferisce il recente provvedimento del Garante privacy, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dello scorso 24 aprile e, quindi, in vigore.

La violazione di tali obblighi, comporta, ai sensi di quanto previsto dal Codice Privacy, sanzioni salate per i destinatari degli obblighi:

(a) la omessa comunicazione della violazione di dati personali al Garante, nonché la ritardata comunicazione è punita con la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da venticinquemila euro a centocinquantamila euro;

(b) la omessa comunicazione della violazione di dati personali all’interessato, nonché la ritardata comunicazione è punita con la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da centocinquanta euro a mille euro per ciascun contraente o altra persona interessata;

(c) la violazione dell’obbligo di tenuta di un aggiornato inventario delle violazioni di dati personali, è punita con la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da ventimila euro a centoventimila euro.

Per chi volesse approfondire, il testo integrale del provvedimento, contenente una serie di utili informazioni per l’attuazione dello stesso è pubblicato qui mentre qui è possibile scaricare il modello di segnalazione messo a punto dagli uffici del Garante.


CONDIVIDI
Articolo precedenteLa Cassazione applica la legge Balduzzi e depenalizza la colpa lieve del medico
Articolo successivoStefano Rodotà, intervista da Fazio a “Che tempo che fa”: video completo

1 COOMENTO

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here