Gli esodati che sono rimasti esclusi dalla manovra di salvaguardia dei 65mila, possono rientrare in quella dei 55mila. La novità è introdotta dall’Inps nel messaggio n . 5445/2013; la deroga si somma a quella già concessa dall’Istituto nel messaggio n. 4678/2013 in base alla quale si consente di riesaminare le postazioni dei lavoratori collocati in mobilità ordinaria o viceversa lunga, titolari di prestazione straordinaria a carico dei fondi di solidarietà di settore, autorizzati alla prosecuzione volontaria della contribuzione che sono rimasti esclusi dalla salvaguardia del primo decreto comprensivo dei 65mila (ex legge n. 214/2011), allo scopo di esaminare la sussistenza dei requisiti necessari ad accedere alla salvaguardia dei 55mila (ex legge n. 135/2012).

Gli esodati rispescati, si apprende dalla circolare diffusa dall’Inps, riguardano in particolar modo, oltre alle categorie menzionate, quei lavoratori il cui rapporto lavorativo sia stato risolto in virtù di un accordo individuale o collettivo di incentivo all’esodo, le cui domande di accesso al beneficio siano state accolte dalle preposte direzioni territoriali del lavoro (dtl), ma che per l’appunto, stando al primo decreto di salvaguardia (65.000), siano stati esclusi dal beneficio.

Le ragioni dell’esclusione sono: a) possesso di requisiti anagrafici e contributivi che, stando alla disciplina pensionistica vigente prima del 6 dicembre 2011, prevedono la decorrenza della pensione dopo il 6 dicembre 2013 ed entro il 6 gennaio 2015; b) incapienza nel contingente numerico, pur a fronte del possesso di tutti i requisiti previsti. L’Istituto di previdenza nazionale chiarisce, infine, che l’operazione di riesame dovrà essere realizzata in attesa della comunicazione da parte delle competenti direzioni territoriali del lavoro dei provvedimenti di accettazione delle domande di accesso al beneficio, le quali in base al secondo decreto salvaguardia (55.000) potranno presentarsi entro la data del 21 maggio 2013.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


7 COMMENTI

  1. sono stata licenziata nel 1997, assieme ad altri colleghi, l’azienda però non ha chiuso, abbiamo cercato di impugnare il licenziamento, ma non c’era molto da fare. L’unica soluzione è stato un accordo individuale con il datore di lavoro. Ora mi ritrovo quasi a 62 anni con 29 anni di contributi senza lavoro e senza poensione, ringraziando quella santa donna della fornero. Forse avrò i requisiti per rientrare nella sesta salvaguardia…….

  2. io invece sono disoccupata dal 1997,l’aziend a chiuse e avendo allora 45 anni,non ho piu’ trovato lavoro.ho 23 anni di contributi,ed essendo nata ad agosto del 1952,non so quanto ancora dovro’ aspettare per poter avere la mia pensione.

    non ci si può rendere conto quanto è duro e difficile vivere senza la propria dignita’ e indipendenza economica.
    io non so proprio quando potrò contare sulle mie possibilita’.

    Vi prego gradirei sapere se rientro sui 17.000 salvaguardati nell’ultimo patto di stabilita’.Grazie per la cortese risposta.

  3. sono un lavoratore nato nel 1952 con 37 anni di contributi al 01/04/2013 Sono disoccupato dal 20/luglio2012 i miei contributi somo misti: 25 anni da commerciante e 12 anni da dipendente qundo posso andare in pensione?

  4. Sono uscito dall azienda il 30/12/2011.Sono in mobilita con incentivo all esododal 02/01/2012 ,Ho avuto 4 anni di mobilita,presentato domanda dtl. Il 30/11/2013 ho 40 anni di contrubuti quando vado in pensione,? dovrei far parte dei 40000(55000) salvaguardati.Sono nato il12/08/1956 NAPOLI. prego una vostra risposta

  5. Sono nato nel dicembre 1952, sono stato licenziato nell’ottobre 2008, ho proseguito la contribuzione volontaria fino al raggiungimento dei 36 anni (dal 2009 al 2012). Ho fatto
    istanza per i 65.000 (in base ad accordi individuali) che è stata accolta dal Ministero.
    Per pochi giorni rientro nel contingente dei 55.000 sia nel caso di accordi individuali che di contribuzione volontaria. A questo punto cosa devo fare per l’inserimento nelle liste ed
    avere una risposta concreta. Grazie per risposta

  6. Io sono salvaguardata , ma sarò tutelata economicamente quei sei mesi che mi mancano al raggiungimento della pensione? Mi prolungheranno la mobilità ? Devo fare un ulteriore domanda ,o avviene tutto in automatico ?grazie

  7. ad agosto 2013 maturo i 40 anni di contribuzione posso rientrare nei 55 mila salvaguardati?

    sono nata nel 1957 ho iniziato a lavorare nel 1973.

    sto pagando i contributi volontari con domanda fatta i primi di gennaio 2012.

    la mia domanda in base agli articoli di legge è stata accolta dal dtl anche la pima volta

    avevo già fatto domanda anche per i primi 65.000 con risposta negativa.

    ho fatto un accordo individuale con l’azienda il novembre 2011 con dimissioni al il 21 12 2011 in base a tutti gli articoli di legge per esodati.
    gentilmente gradire una risposta.

SCRIVI UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento!
Inserisci il tuo nome